Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Napoli
    Castel Sant'Elmo
    Una fortezza che domina la città
  • Napoli
    Castel Sant'Elmo
    Una fortezza che domina la città
  • Napoli
    Castel Sant'Elmo
    Una fortezza che domina la città
  • Napoli
    Castel Sant'Elmo
    Una fortezza che domina la città

Castel Sant'Elmo

Napoli
Musei

 

Il Sito resterà chiuso dal 6 novembre al 3 dicembre 2020, in ottemperanza all’articolo 1, comma 9, lettera r del Dpcm del 3 novembre 2020

 

Le prime notizie relative all'imponente struttura fortificata che domina dall'alto la città di Napoli risalgono al 1275, quando la fortezza, indicata come 'Belforte', era abitata dai familiari del re Carlo d'Angiò. Roberto d'Angiò nel 1329 decise di ampliarla ed incaricò l'architetto senese Tino di Camaino, di progettare la ristrutturazione. Nel corso dei lavori, terminati nel 1343, il palazzo fu trasformato in castello. Tra il 1537 e il 1547 il castello fu ricostruito su commissione dal viceré Don Pedro de Toledo e prese la caratteristica configurazione con impianto stellare a sei punte. Divenne così una delle fortezze più moderne del tempo e, insieme agli altri castelli napoletani, costituiva una compatta struttura di difesa che racchiudeva la città. Il progetto fu affidato a Valenzano Pedro Luis Escrivà, uno dei più famosi architetti militari del tempo nel campo delle fortificazioni. Dal 1604 la fortificazione venne utilizzata come carcere per i prigionieri politici, poi carcere militare fino al 1952. Nel 1976 risalgono furono iniziati i lavori di restauro, durati sette anni, che hanno recuperato la struttura originaria, rendendo visibili gli antichi percorsi, i camminamenti di ronda e vari ambienti. Castel Sant'Elmo è oggi un centro polifunzionale per attività e iniziative culturali: dalle grandi mostre d'arte antica e contemporanea, allo spettacolo e all'organizzazione di forum e convegni, in una cornice naturale di indimenticabile bellezza. La vasta piazza d'armi e gli spalti monumentali offrono un panorama indimenticabile della città e di tutto il golfo.

prendi nota!

Castel Sant'Elmo

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

Come Arrivare

Napoli, Via Tito Angelini 20

Funicolare di Montesanto: fermata MORGHEN
Funicolare di Chiaia: fermata PIAZZA AMEDEO
Metro: linea 1 fermata VANVITELLI
Bus ANM: linea V1 fermata PIAZZALE SAN MARTINO

Servizi e Accessibilità

visite didattiche gruppi
bookshop

Il Sito resterà chiuso dal 6 novembre al 3 dicembre 2020, in ottemperanza all’articolo 1, comma 9, lettera r del Dpcm del 3 novembre 2020

Info e Prenotazioni

dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle ore 15.00 
848 800 288
+39 06 399 67 050 da cellulari e dall'estero

Castel Sant'Elmo

Napoli

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Gruppi
  • orario: a scelta
    lingua: italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco
    partecipanti: max 30 persone
    costo: € 100,00
    durata: 1h
    prenotazione: obbligatoria

chiudi

Castel Sant'Elmo

Napoli

Coopculture

Orario

Aperto

08.30 - 18.00

ultimo ingresso ore 17.00

 

Chiuso

25 dicembre, 1 gennaio.

 

Biglietteria

Chiude un'ora prima 

 

chiudi