Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Prato
    ​​Museo della Deportazione e Resistenza

​​Museo della Deportazione e Resistenza

Prato
Musei

 

Il Sito resterà chiuso dal 6 novembre al 3 dicembre 2020, in ottemperanza all’articolo 1, comma 9, lettera r del Dpcm del 3 novembre 2020

La Fondazione "Museo e Centro di Documentazione della Deportazione e Resistenza – Luoghi della Memoria Toscana" è stata costituita il 26 gennaio 2007 per iniziativa del Comune di Prato e di tutti i Comuni dell’area pratese, Cantagallo, Carmignano, Montemurlo, Poggio a Caiano, Vaiano, Vernio, delle sezioni pratesi dell’ANED e dell’ANPI e della Comunità Ebraica di Firenze.

Scopo della Fondazione è quello di promuovere la conoscenza dei luoghi di memoria dell’età contemporanea e la ricerca dei processi storici che videro la nascita e l’affermarsi in Europa del fascismo e del nazismo; delle persecuzioni razziali, politiche e religiose; della deportazione e della realtà dei campi di concentramento e di sterminio; delle lotte di resistenza e di liberazione.

La Fondazione si propone inoltre di approfondire la conoscenza della storia locale, sia per quanto riguarda l’opposizione al fascismo e la lotta di liberazione, che per le vicende della deportazione nella provincia di Prato.

Raccoglie, conserva e valorizza le testimonianze sulla deportazione e sul movimento popolare di resistenza al nazifascismo. In questo modo la Fondazione, anche attraverso un’intensa attività didattica rivolta ai giovani, intende coltivare una memoria storica e promuovere una cultura di pace e di solidarietà fra i popoli contro ogni tipo di intolleranza, razzismo, discriminazione e totalitarismo.

Il Museo sorge a Prato nella frazione di Figline. Il luogo è caro alla memoria dei cittadini perchè qui il 6 settembre del 1944, il giorno stesso della liberazione della città dal nazi-fascismo, 29 giovani partigiani della Brigata Buricchi, che erano scesi a valle dalla vicina località montana dei Faggi di Iavello, furono presi dai tedeschi in ritirata e impiccati. Solo nel 2003 le indagini hanno portato all’identificazione dell’esecutore della strage, il maggiore della Wehrmacht Karl Laqua.

Per ricordare questo tragico avvenimento, ogni anno il giorno dell’anniversario della Liberazione, viene organizzata una fiaccolata che dalla vicina via 7 Marzo porta alla collina di Figline e al luogo dell’eccidio. Ad essa vi partecipano sempre numerosi i cittadini e i rappresentanti delle istituzioni.

prendi nota!

​​Museo della Deportazione e Resistenza

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

In bus
Dal centro storico di Prato: prendere l’autobus Autolinee Cap Linea 12 da piazza San Domenico, non lontano dalla cattedrale. L’autobus ferma a pochi passi dal museo. Opera dal lunedì al sabato con corse ogni 40 minuti circa, domenica ogni ora.
E’ possibile raggiungere il museo anche utilizzando l’autobus Autolinne Cap “LAM Rossa”, direzione Galceti, con due possibili percorsi:
1- scendere alla fermata Sette Marzo2 e proseguire a piedi per circa 800 metri,
2- scendere alla fermata Sette Marzo 4 e prendere l’autobus 12 (la fermata è dall’altro lato della strada), che ferma a pochi passi dal Museo.
Se si sceglie questa seconda opzione si consiglia di consultare gli orari delle due linee per le coincidenze.

In treno
Prato ha due stazioni ferroviarie, Prato Centrale e Prato Porta al Serraglio. Da entrambe è possibile raggiungere il museo con l’autobus.
Da Prato Porta al Serraglio: percorrere circa 600 metri fino a pazza San Domenico, non lontano dalla cattedrale, da dove è possibile prendere l’autobus 12 direttamente per il Museo. L’autobus opera dal lunedì al sabato con corse ogni 40 minuti circa, domenica ogni ora.
Da Prato Centrale: prendere dal piazzale davanti alla stazione l’autobus “LAM Rossa” in direzione Galceti, con due possibili percorsi: 1- scendere alla fermata Sette Marzo 2 e proseguire a piedi per circa 800 metri. 2-  scendere alla fermata Sette Marzo 4 e prendere l’autobus 12 (la fermata è dall’altro lato della strada), che ferma a pochi passi dal Museo. Se si sceglie questa seconda opzione si consiglia di consultare gli orari delle due linee per le coincidenze.

In auto
Via di Cantagallo, 250, 59100 Prato PO (google maps)

Servizi e Accessibilità

sito accessibile
  • Il Sito resterà chiuso dal 6 novembre al 3 dicembre 2020, in ottemperanza all’articolo 1, comma 9, lettera r del Dpcm del 3 novembre 2020

Info e Prenotazioni

0574.461655

​​Museo della Deportazione e Resistenza

Prato

Coopculture

Biglietteria

Tariffe

Gratuito: Ingresso gratuito

chiudi

​​Museo della Deportazione e Resistenza

Prato

Coopculture

Prepara la tua visita

chiudi

​​Museo della Deportazione e Resistenza

Prato

Coopculture

Orario

Aperto

09.30 - 12.30

Da lunedì a venerdì

15.00 - 18.00

Lunedì e giovedì, sabato e domenica

Aperture straordinarie per gruppi organizzati e scolaresche previa prenotazione

Chiuso

Il Museo è aperto il 25 aprile e il 2 giugno.

 

chiudi