Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

Orto Botanico dell’Università degli studi di Palermo

Palermo
Monumenti

 

L’orto Botanico dell’Università degli studi di Palermo risale agli ultimi decenni del XVIII secolo, anno in cui fu istituita l’Accademia di Regi Studi e di conseguenza la Cattedra di “Storia naturale e Botanica”.

Nel dicembre del 1795 Giuseppe Tineo fu il primo direttore dell’Orto Botanico che si estendeva su uno spazio di 12 mila metri quadrati circa, con ingresso disposto nell’attuale via Lincoln, al Piano di Sant’Erasmo e che lo separava dalla Villa Giulia, e poi spostato successivamente nell’attuale ingresso sul fronte del nuovo complesso monumentale del Ginnasio.

L’antico giardino era diviso in quattro appezzamenti rettangolari separati da due viali ortogonali, con le collezioni ordinate da Bernardino da Ucria secondo il sistema di Linneo; corredavano l’impianto del giardino fontane e vasche fra cui, all’estremità meridionale, il magnifico Aquarium, dono dell’allora arcivescovo di Palermo, Filippo Lopez y Royo.

Il complesso monumentale vantava inoltre di un edificio centrale, il Gymnasium, sede della Schola Regia Botanices, che comprendeva la sala ottagonale per conferenze e una galleria di studio, l’Herbarium.

Il Giardino d’Inverno e la Sala Tineo risalgono alla metà del secolo XIX realizzati da Carlo Giachery.

L'Orto Botanico è considerato un museo all'aperto, al suo interno è possibile ammirare il Ficus magnolioide, l’Albero di cotone, il Bambù gigante, la Papaya, tutte piante che insieme alle altre sono corredate di targhetta identificativa che riporta il binomio scientifico, il patronimo, la classe e l’origine geografica.

L’Orto Botanico può inoltre essere schematizzato in diversi settori: il Sistema di Linneo, il Sistema di Engler, il Giardino delle Succulente, la Collinetta Mediterranea, i Settori delle Piante Medicinali e Aromatiche, quello Sperimentale e delle Piante Utili. Di particolare interesse è poi il Giardino d’inverno dove vivono la mimosa sensitiva e la pianta del caffè.

La peculiarità di questo Orto è, oggi, rappresentata dalla grande varietà di specie ospitate che ne fanno un luogo ricchissimo di espressioni di flore diverse.

prendi nota!

Orto Botanico dell’Università degli studi di Palermo

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

via Lincoln, 2 - Palermo

IN AUTOBUS
da stazione centrale a Orto botanico linee 231; 107

Servizi e Accessibilità

visite didattiche singoli
visite didattiche gruppi
visite didattiche scuole
sito accessibile

Info e Prenotazioni

+ 39 091 7489995 dal lunedì a domenica 9.00/19.00

Orto Botanico dell’Università degli studi di Palermo

Palermo

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Singoli
    • Alla scoperta dell’Orto Botanico

    visita gioco per famiglie con bambini 6 - 12 anni
    domenica 19 maggio, ore 11.00

    Una visita animata per scoprire in 4 tappe alcune delle collezioni dell’Orto Botanico.
    I nostri piccoli esploratori riceveranno un taccuino da viaggio che servirà  per annotare e disegnare ciò che l’operatore suggerirà ma anche ciò che la curiosità li spingerà ad approfondire.
    Alla fine del percorso sarà realizzato un elaborato creativo con acquarelli.

    Modalità di partecipazione
    Visita euro 7,00 euro + biglietto di ingresso al sito
    Prenotazione consigliata fino ad esaurimento posti disponibili +39 091 7489995
     

    • Let’s go!

    visita gioco per bambini 6-12 anni
    domenica 26 maggio, ore 11.00

    Un ciclo di incontri in collaborazione con Up! English Center suddiviso in 4 appuntamenti in cui i giovani partecipanti visiteranno il Museo Archeologico A. Salinas, il Museo di Zoologia P. Doderlein, l’Orto Botanico di Palermo e il Castello della Zisa, per imparare l’inglese giocando.
    Il corso è tenuto in lingua inglese con un linguaggio colloquiale adatto a bambini e ragazzi con assistenza in italiano per chi sta imparando.
    I bambini e ragazzi verranno stimolati ad esprimere le proprie idee attraverso domande e giochi avvincenti, al tempo stesso avranno la possibilità di fare pratica memorizzando nuovi vocaboli ed espressioni.
    Il primo incontro si tiene il 7 aprile al Museo Archeologico A. Salinas con il titolo Gods and Heros
    Il secondo è il 14 aprile al Castello della Zisa con The Magic Castlle.
    Il terzo si svolge il 19 maggio al Museo di Zoologia P. DoderleinFantastic Animals e l'ultimo è in programma il 26 maggio all'Orto Botanico, Colors and Plants. Una speciale visita condurrà i giovani esploratori alla scoperta delle collezioni dell’orto botanico, tra piante e fiori colorati. Scopriremo l’orto e ne apprezzeremo la sua unicità e soprattutto impareremo a riconoscere attraverso il gioco le varie parti delle piante e dei fiori in lingua inglese.

    Modalità di partecipazione
    didattica € 4,00 + biglietto di ingresso al sito € 3,00
    Prenotazione consigliata fino ad esaurimento posti disponibili al num. 091 7489995

Gruppi
  • Su prenotazione
Scuole

chiudi

Orto Botanico dell’Università degli studi di Palermo

Palermo

Coopculture

Orario

Aperto

 


ultimo ingresso mezz’ora prima dell’orario di chiusura

 

chiudi