Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

Palazzo Merulana

questo sito è nel circuito :

Roma
Musei

 

Dalla sinergia di forze e comunione di intenti tra la Fondazione Elena e Claudio Cerasi e CoopCulture nasce Palazzo Merulana.
Istituita nel 2014, la Fondazione Elena e Claudio Cerasi custodisce una ricca collezione d’arte moderna e contemporanea, principalmente incentrata sull’arte della scuola romana e italiana del Novecento.
La volontà dei fondatori è quella di restituire a Roma e ai romani uno spazio che per lungo tempo è stato un vuoto urbano, quello dell’ex-Ufficio di Igiene di Via Merulana 121.
Grazie ad un’importante operazione di ristrutturazione durata più di 5 anni, il Palazzo oggi vive di una dignità ritrovata, configurandosi come punto di contatto di diverse realtà e zone della città.

La Fondazione Cerasi sceglie CoopCulture come partner per una gestione innovativa del Palazzo e una fruizione diffusa della collezione.
Con  un’esperienza quasi trentennale nella gestione e innovazione dei servizi culturali, Coopculture negli ultimi anni ha ampliato il proprio impegno a favore del ruolo  che il patrimonio culturale può avere nello sviluppo dei territori, nella riqualificazione degli spazi, nella crescita della partecipazione culturale come fattore di inclusione sociale e di welfare.  
Per questo ha sviluppato sistemi innovativi , competenze e tecnologie per favorire l’accessibilità,  migliorare la relazione con il pubblico , arricchire la fruizione nel rispetto delle diversità e promosso iniziative per alimentare partecipazione.
Con questo stesso spirito porterà avanti la sfida di Palazzo Merulana, al contempo salotto culturale internazionale e agora per il quartiere, sede di una collezione novecentesca ma anche di espressività giovanile, spazio dove le arti dialogano tra loro e riconnettono frammenti di memoria ma  in chiave contemporanea e in forma partecipata.
Le professionalità messe in campo includono quindi dagli esperti nell’accoglienza museale, ai mediatori culturali coordinati da un comitato scientifico multidisciplinare, fino alle figure più innovative per l’audience development  e il community engagement sul territorio e attraverso i canali social.  
 

GLI SPAZI

Palazzo Merulana ospita una collezione composta prevalentemente da opere della scuola romana e del Novecento italiano, ma con uno slancio verso il contemporaneo.
Il percorso espositivo che comprende più di 90 opere, su una superfice di 1800 mq, si articola su quattro piani.
Ogni piano ha una sua coerenza tematica ed espositiva che lo caratterizza e lo identifica.

PIANO TERRA
Sala delle Sculture

Come il vecchio Ufficio di Igiene, dove il pian terreno era il portico d’ingresso, anche Palazzo Merulana accoglie il visitatore in un portico, ad accesso gratuito con un bookshop e una caffetteria per una piacevole  sosta tra le sculture di Antonietta Raphaël, Mario Cerioli, Pericle Fazzini, Ercole Drej e molti altri artisti.
 Il piano terra è luogo di distensione e relax, grazie anche al grazioso giardino urbano lontano dalla frenesia di Via Merulana.

SECONDO E TERZO PIANO
Salone e Galleria

Cuore pulsante della collezione di Elena e Claudio Cerasi, il secondo piano ospita la maggior parte dell’esposizione pittorica e scultorea di Palazzo Merulana: De Chirico, Balla, Donghi, Capogrossi, Casorati, Pirandello, Severini, Cambellotti, per citarne alcuni.
Uno spazio accogliente e familiare, che invita i visitatori a soffermarsi e accomodarsi sui divani disposti tra le opere. Una passeggiata nel bello, un’esperienza estetica, un tuffo nel Novecento, con uno sguardo verso la contemporaneità, il tutto orchestrato da “Il Direttore delle Stelle” di Jan Fabre, disposto al centro della sala.

QUARTO PIANO
Attico

Un luogo per attività culturali ed eventi enogastronomici.
Il piano ospita anche la mostra temporanea “Tina Modotti. L’Eros della Rivoluzione”, organizzata da Roma Fotografia 2020 e l’associazione 8 marzo.

Terrazza
Un luogo privilegiato di osservazione su Via Merulana.
Tra gli alti platani, è possibile scorgere i tetti e le cupole della città. 
La terrazza è aperta al pubblico in occasione di eventi e iniziative culturali, nonché disponibile in esclusiva per eventi privati e corporate.

 

LA COLLEZIONE

La collezione Cerasi è costituita da un cospicuo numero di capolavori di pittura e scultura italiana tra le due guerre, ne fanno parte, tra gli altri, capolavori di Giacomo Balla, Mario Sironi, Giorgio De Chirico, Antonio Donghi, Mario Mafai, Antonietta Raphaël e Giuseppe Caprogrossi.
Al suo interno, una situazione privilegiata è rappresentata dall’arte romana (il primo nucleo di opere acquistate, intorno al quale si è formato il resto della collezione), che nel panorama italiano ha assunto in quel periodo una singolare vivacità e varietà di espressioni, tanto da costruirne forse il nerbo più solido e linguisticamente più sperimentale. Ciò riflette in primo luogo l’amore per la cultura romana dei collezionisti, che non solo sono nati e vivono nella capitale, ma vi operano incidendo attivamente nel suo contesto culturale. Tuttavia la consapevolezza di un dialogo costantemente operante tra gli artisti dell’epoca ha spinto i coniugi Cerasi ad ampliare quel forte nucleo iniziale, affiancandogli una serie di opere relative alle diverse riflessioni di altri contesti italiani del medesimo periodo che pur sempre riflettendo il loro gusto personale, ha creato un tessuto omogeneo all’interno del quale emergono capolavori anche di altre scuole o tendenze. Una selezione di queste opere compare sia nel salone a piano terra, tra le sculture, sia nella zona del secondo piano che è dedicata a mostre temporanee, e che saranno dunque esposte in maniera non permanente, a sottolineare una continuità di interessi che arriva in realtà fino al contemporaneo (anche internazionale): partendo da opere degli stessi artisti della scuola romana colti nella fase postbellica, giungendo fino al contemporaneo Jan Fabre.

prendi nota!

Palazzo Merulana

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

Metro
Linea A fermata Manzoni
Linea B fermata Colosseo

Autobus
Linee 16-714
Linea 51 fermata Manzoni/Merulana
Linea 85

Tram
Linee 3

 

Servizi e Accessibilità

visite didattiche singoli
visite didattiche gruppi
visite didattiche scuole
bookshop
guardaroba
caffetteria
wi-fi
sito accessibile

NEWS

  • 2 OTTOBRE 2020 Palazzo Merulana chiuderà alle ore 19.00
     
  • DA MERCOLEDI' 15 LUGLIO 2020 PALAZZO MERULANA RIAPRE AL PUBBLICO
    MODALITA' DI VISITA

    Il biglietto di ingresso consente l’accesso alla Collezione Cerasi, rinnovata nel suo allestimento e integrata di nuove opere inedite, e alla mostra “Tina Modotti. L’Eros della Rivoluzione” 
    Gli accessi alle sale espositive sono contingentati e organizzati su turni di ingresso previsti ogni ora dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00, per un massimo di 20 persone alla volta. 
    Per accedere alle sale espositive di Palazzo Merulana è obbligatorio per i visitatori indossare una mascherina che copra naso e bocca, che andrà tenuta indossata per tutta la durata della visita. Al loro ingresso, i visitatori saranno sottoposti alla misurazione della temperatura corporea e per colori i quali questa risulterà superiore ai 37,5°C, l’accesso verrà negato. 
    All’interno delle sale espositive di Palazzo Merulana occorre mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro, al fine di evitare assembramenti. L’accesso alle sale espositive è consentito esclusivamente accompagnati da una figura del Palazzo. 
    Si raccomanda a tutti i visitatori di Palazzo Merulana di seguire e rispettare con attenzione le regole sanitarie, poste a garanzia della salute e della sicurezza di tutti. Queste includono, oltre all’indossare una mascherina che copra naso e bocca per tutta la durata della visita, anche l’igienizzazione delle mani tramite una soluzione idro-alcolica resa disponibile all’ingresso delle sale espositive di Palazzo Merulana, e l’utilizzo degli ascensori strettamente consentito a persone con difficoltà deambulatorie o con particolari condizioni di salute che lo suggeriscano che comunque è possibile solo una persona per volta o più se appartenenti allo stesso gruppo familiare. 

Info e Prenotazioni

Gli accessi alle sale espositive sono contingentati e organizzati su turni di ingresso previsti ogni ora, pertanto è consigliata la prenotazione, che comunque non è obbligatoria
Prenotazione on line e presso la biglietteria del Palazzo nei giorni e negli orari di apertura
 0639967800    /info@palazzomerulana.it

 

per eventi e attività culturali
attivitaculturali@palazzomerulana.it

Informazioni e prenotazioni al CafeCulture
+39 0662288768

ufficio stampa
stampa@palazzomerulana.it

+ 39 06 39967800

Palazzo Merulana

Roma

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Singoli
  • VISTE GUIDATE SINGOLI AL MOMENTO NON DISPONIBILI 

     

    La proposta didattica di Coopculture tiene conto di due linee guida: trasformazione e trasversalità.

    Così come l'edificio che ospita la Collezione Cerasi ha cambiato varie volte utilizzo e funzione, da originario Ufficio d’Igiene poi decaduto allo stato di rudere e fino alla rinascita attuale, anche le attività didattiche saranno pensate con una modularità e flessibilità che consentirà loro di adattarsi alle varie tipologie di pubblico che frequenteranno la sede espositiva.

    Fulcro generativo sarà naturalmente l’insieme delle opere della Scuola Romana e degli artisti che le hanno realizzate, le cui valenze culturali tuttavia andranno ad intrecciarsi in maniera nuova e non convenzionale con altre espressioni artistiche quali musica, letteratura, scrittura, fotografia ed espressione corporea.

    Verrà inoltre messo in risalto un fattore importante che rende unica e particolarissima la Collezione Cerasi e cioè quel sentimento di “innamoramento” e di scelta emozionale verso ciascuna opera, che consente soprattutto di costruire una narrazione di storie e persone.

    Si intende pertanto far rivivere l’arte della Collezione in una nuova prospettiva multiforme e multidisciplinare che possa essere pretesto per collegare insieme persone diverse e contemporaneamente, uscendo fuori dalle mura del Palazzo con proposte sul territorio, offrire un rinnovato spazio di riqualificazione e partecipazione artistica attiva.

     

Gruppi
  • Gruppi
    su prenotazione  
    max 25 partecipanti
    €100,00

Scuole
  • su prenotazione 
    disponibile nei giorni dispari dalle ore 9.00 alle ore 14.00
    €100.00

     

chiudi

Palazzo Merulana

Roma

Coopculture

Orario

Aperto




 


 

Chiuso

martedì

 

chiudi