Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Sardara
    Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"
  • Sardara
    Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"
  • Sardara
    Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"

Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"

Medio Campidano - Sardara
Musei

 

Il Museo Archeologico "Villa Abbas" è ospitato, dal '97 (anno della sua apertura), in un edificio degli inizi del XX secolo, precedentemente sede del Municipio e delle Scuole, che è stato restaurato negli anni Novanta. Esso deve il suo nome alla denominazione conferita, in età bizantina e alto-medievale, all'insediamento termale fiorito in epoca romana ("villa abbas" infatti, in sardo, significa "villaggio delle acque").

L'esposizione museale, il cui arco cronologico di riferimento è compreso tra la preistoria ed il tardo Medioevo, si articola in due piani ed è comprensiva dei reperti archeologici rinvenuti nelle principali campagne di scavo che hanno interessato la fascia di comuni, da Sardara a Monastir, posta lungo la S.S. 131 (una delle arterie stradali più importanti dell'Isola), verso Cagliari.

I due piani del museo sono a loro volta organizzati in sale, ciascuna delle quali conserva i manufatti archeologici di una determinata località sia del territorio sardarese che dei comuni sopraindicati.
La Sala I, detta della didattica, fornisce al visitatore gli strumenti visivi e concettuali per una corretta e consapevole lettura del percorso museale, e vi si illustrano, oltre ad un breve excursus sulle varie fasi cronologiche della storia sarda, le diverse tecniche di lavorazione della ceramica, imprescindibile elemento della cultura materiale di tutte le civiltà nonché importante fattore archeologico di datazione.
Nella Sala II del museo si trovano i reperti recuperati nell'area archeologica di Santa Anastasia, che trae il suo nome dall'omonima chiesa bizantina sorta sopra gli antichi resti. Si fa presente, per questa sala, il recente inserimento, nella collezione, di due nuovi reperti fino a poco tempo fa in fase di studio: due figurine bronzee, di cui una zoomorfa ed una antropomorfa, pensante. Si segnala la presenza, in tutte le sale, di fotografie e restituzioni grafiche delle strutture in oggetto.
La necropoli di "Terr'e Cresia" (letteralmente "Terra di Chiesa", in rimando, secondo il lessico autoctono, ad uno spazio rurale in cui doveva sorgere un edificio di culto cristiano) è invece il sito di interesse delle Sale III e IV. Tale area sepolcrale, il cui utilizzo può ascriversi ad un range temporale che va dal I sec. a.C. al III d.C., ha finora restituito più di cento tombe a fossa terragna di individui deposti, insieme a ricchi corredi, con i riti dell'inumazione e dell'incinerazione.
La Sala V è adibita alla conservazione dei manufatti rinvenuti nei vari siti del territorio di Sardara, comprese le copie dei due famosi arcieri nuragici rinvenuti fortuitamente, nel 1913, in una tomba ai margini settentrionali del paese, e databili al IX-VIII sec. a.C. (gli originali sono conservati nel Museo Archeologico Nazionale di Cagliari). Si tratta di due degli esemplari più raffinati della piccola plastica in bronzo dell'età nuragica. Attraverso la sesta sala si compie, poi, un considerevole e sostanzioso salto in avanti, con cui ci si colloca nella piena età medievale. Sono qui esposti, infatti, i materiali provenienti dalle campagne di scavo condotte sistematicamente presso il Castello di Monreale, un vasto complesso fortificato costituito da un imponente mastio, in posizione centrale, e da una cinta fortificata che inglobava un ampio borgo, elementi che tradiscono la sua destinazione sia abitativa che di presidio di controllo e difesa. L'orogone della struttura è ragionevolmente ascrivibile alla seconda metà del XIII secolo, con il XIV e la prima metà del XV da considerarsi come i momenti di massima fioritura. L'indiscutibile importanza del sito in epoca medievale è data dalla sua collocazione strategica, che ne faceva uno dei pilastri della linea difensiva meridionale del Giudicato di Arborea.
Le ultime sale, la VII e la VIII, custodiscono infine i reperti rinvenuti nei territori della fascia di comuni compresa tra Sardara e San Sperate. Il Museo Archeologico Villa Abbas è poi dotato di un percorso per non vedenti, che si sviluppa parallelamente a quello per i normodotati. Esso consta di un sistema di scrittura braille e di una serie di materiali appositamente realizzati per essere letti tattilmente, perlopiù riproduzioni dei manufatti più significativi conservati all'interno del museo.

prendi nota!

Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

Servizi e Accessibilità

visite didattiche gruppi
bookshop
sito accessibile

Il museo è dotato di un sistema di lettura per non vedenti e ipovedenti.

Info e Prenotazioni

coopvillabbas@tiscali.it
+39 070 9386183

Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"

Sardara

Coopculture

Biglietteria

Il biglietto d'ingresso include un'introduzione al Museo da parte dell'operatore.

Acquista biglietto

Buy ticket onlineOn-Line

Tariffe

Intero: € 4.50 Museo e Area archeologica | Museum and Archaeological area

Ridotto:

2.60 Museo o Area archeologica + eventuali mostre nel centro culturale polivalente "Casa Pilloni" | Museum or Archaeological area + exhibitions at "Casa Pilloni"
per 

 

€ 2.60 Museo e Area archeologica + eventuali mostre nel centro culturale polivalente "Casa Pilloni" | Museum and Archaeological area + exhibitions at "Casa Pilloni"
per gruppi di almeno 8 persone, anziani dai 65 ai 75 anni e bambini dai 6 ai 14 anni | for groups of at least 8 people, people aged 65 to 75 and children aged 6 to 14

Gratuito:

bambini fino ai sei anni e over 75

chiudi

Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"

Sardara

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Gruppi
    • Alla scoperta di Sardara

    visita guidata 
    Una passeggiata nel centro storico di Sardara in compagnia di una guida turistica per scoprire i principali luoghi di interesse, compreso, su richiesta, il Civico Museo Archeologico. 

    costo: € 150.00 per gruppi fino a 25 persone
    prenotazione obbligatoria almeno 20 giorni prima della data della visita

     

    • Laboratorio ceramico

    laboratorio
    Uno speiale laboratorio legato alla pratica atavica della lavorazione ceramica.

    costo: € 150.00 per gruppi fino a 25 persone
    prenotazione obbligatoria almeno 20 giorni prima della data dell'evento

chiudi

Civico Museo Archeologico "Villa Abbas"

Sardara

Coopculture

Orario

Aperto

09.00 - 13.00

16.00 - 19.00


dal martedì alla domenica 

Chiuso

lunedì

 

chiudi