Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas

Palermo
Musei

 

Il Museo Archeologico di Palermo, già Museo Nazionale dedicato oggi ad Antonino Salinas, è la più importante e antica istituzione pubblica museale dell’Isola. Formatosi nel 1814 come Museo dell’Università, dove erano confluite alcune delle principali collezioni archeologiche e storico-artistiche di Sicilia, divenne Museo Nazionale nel 1860: da quel momento vi si raccolsero altre importantissime collezioni e materiali provenienti da vari siti.

Fulcro dell’esposizione rimane la sala che ospita da oltre centocinquanta anni le famose metope dei Templi selinuntini, definito il più importante complesso scultoreo dell’arte greca d'Occidente, adesso arricchito dalla contestuale esposizione di nuovi frammenti e di una consistente selezione di terrecotte architettoniche che conservano ancora la originaria, vivace policromia; scoperte nel 1823 dagli architetti inglesi Angell e Harris, che ne avevano tentato il trasferimento nel regno Unito.

I sovrani Borbone donarono al Museo diversi reperti di grande pregio provenienti da Pompei e da Torre del Greco, mentre scavi e acquisti a cura della Commissione di Antichità e Belle Arti contribuirono ad accrescere le collezioni. Nel 1865, ad esempio, grazie all'impegno di Michele Amari, fu acquistata la collezione di antichità etrusche costituita da Pietro Bonci Casuccini con i ritrovamenti avvenuti nei suoi terreni in territorio di Chiusi (SI).

Tra le più importanti acquisizioni si ricorda quella della cosiddetta “Pietra di Palermo”, con iscrizioni geroglifiche recanti gli annali delle prime cinque dinastie egizie (3238-2990 a.C.), di importanza capitale per la ricostruzione della storia dell’antico regno d’Egitto.

Dopo l’unità d’Italia, anche i Savoia donarono al Museo diverse opere, tra cui il magnifico ariete in bronzo da Siracusa. Ma fu soprattutto l’afflusso di materiali provenienti da scavi e acquisti effettuati in gran parte della Sicilia che determinò la rilevanza e il ruolo centrale del Museo, in particolare sotto la direzione di Antonino Salinas (1873-1914), fermamente convinto che l’Istituto dovesse illustrare la storia siciliana dalla preistoria all’età contemporanea. Gli anni del dopoguerra furono fondamentali per la storia dell’Istituto che, da quel momento, divenne esclusivamente Museo Archeologico, destinando alla formazione di altre Istituzioni museali cittadine le collezioni storico artistiche ed etno-antropologiche facenti parte originariamente del proprio patrimonio.

Dal 2009 al luglio 2016 il seicentesco complesso monumentale dei padri Filippini, che ospita il Museo Salinas, è stato sottoposto a un integrale lavoro di restauro. Attualmente è possibile visitare il nuovo allestimento del piano terra – rinnovato nelle forme e nei contenuti - che ospita la parte più rilevante delle collezioni arricchita dalla recente apertura della terza corte “la nuova agorà del Salinas” dove trovano esposizione il monumentale frontone del Tempio C di Selinunte e lo straordinario complesso scultoreo delle gronde leonine del tempio di Himera.

prendi nota!

Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

In autobus: Dalla Stazione Centrale di Palermo, Capolinea linea 101, fermata Roma – Poste. Da Stazione Palermo Notarbartolo, linea 102, 103, fermata Cavour.

In auto: da Aeroporto Palermo Falcone Borsellino (PMO), percorrere la A29/E90 in direzione di Via Rosario Nicoletti/SS113 a Palermo. Prendere l'uscita verso Tommaso Natale da A29/E90, continuare su Via Rosario Nicoletti/SS113. Prendere Viale dell'Olimpo, Viale Venere, Viale Margherita di Savoia, Viale Ercole e SS113 in direzione di Piazza Olivella.

 

 

Servizi e Accessibilità

visite didattiche singoli
visite didattiche gruppi
visite didattiche scuole
bookshop
caffetteria
sito accessibile

NEWS

  • CHIUSURA MUSEI E ALTRI ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA
    fino al 3 aprile 2020

    Per effetto del DPCM dell’8 marzo 2020 tutti i musei, parchi archeologici e altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42. valido fino al 3 aprile 2020, sono chiusi al pubblico fino al 3 aprile.

Info e Prenotazioni

tutti i giorni
9.00 – 19.00

+39 091 7489995

Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas

Palermo

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Singoli
    • Quando le statue sognano 
      Visita guidata domenica 1 marzo 2020, ore 11.00 e 12.00

      In concomitanza con la mostra  in due capitoli "Quando le statue sognano" -curata da Caterina Greco, Direttrice del Museo Archeologico Regionale "Antonino Salinas" e la critica d'arte Helga Marsala, vengono temporaneamente restituiti al pubblico alcuni spazi di questo luogo straordinario, che riapriranno definitivamente solo al termine dei lavori di imminente riallestimento.
      Ed è proprio tra i depositi, i corridoi disabitati e le sale vuote che i progetti per la mostra hanno preso forma: luoghi precipitati in un silenzio onirico, per l'occasione tramutati in set e serbatoi di suggestioni per produzioni contemporanee, in dialogo con l'antico.
      Tra queste nuove sale del Salinas, che ancora non presentano il loro assetto definitivo, prende così vita un insolito racconto, in cui si intrecciano archeologia e arte contemporanea: tessuti evanescenti, ceramiche astratte, suoni elettronici, fotografie e immagini in dissolvenza, ritratti marmorei, disegni, sculture bronzee, manufatti d'uso quotidiano o con funzione rituale, compongono una sorta di fantasmagoria, di cui le statue e i reperti sono parte attiva, memoria antica e sempre vitale nella costante evoluzione del Museo.

      Modalità di partecipazione 
      euro 5,00 + biglietto d'ingresso gratuito al sito
      Prenotazione consigliata fino ad esaurimento posti disponibili al numero 091 7489995 o direttamente in biglietteria il giorno dell'attività, previa disponibilità
    • Artigiani per un giorno
      visita didattica per famiglie e bambino domenica 1 marzo 2020, ore 11.30 

      Argilla, acqua e fuoco, tre ingredienti indispensabili per realizzare un vaso greco. Gli antichi artigiani trascorrevano molte ore all’interno delle loro botteghe e creavano manufatti bellissimi alcuni dei quali dipinti con figure nere e rosse. Insieme ad un archeologo osserveremo i numerosi vasi conservati all’interno del Museo Archeologico A. Salinas ed impareremo a riconoscere le principali forme e le diverse immagini rappresentate sui vasi. Al termine dell’attività di visita seguirà l’esperienza di manipolazione e decorazione dell’argilla per realizzare piccoli manufatti ceramici.

      Modalità di partecipazione 
      euro 5,00 + biglietto d'ingresso gratuito al sito
      Prenotazione consigliata fino ad esaurimento posti disponibili al numero 091 7489995 o direttamente in biglietteria il giorno dell'attività, previa disponibilità

Gruppi
  • Su prenotazione
Scuole
  • Su prenotazione

chiudi

Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas

Palermo

Coopculture

Orario

Aperto

09.00 - 18.00

dal martedì al sabato
ultimo ingresso 17.30

09.00 - 13.30

domenica e festivi
ultimo ingresso 13.00

E' prevista la possibilità di studi e ricerche sui materiali archeologici depositati nei magazzini, previa autorizzazione della Direzione

 

lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 9.30 alle 13. 30
mercoledì dalle 9.30 alle 17.30
nel mese di agosto chiusa dal 14 al 16

Chiuso

Lunedì

Biglietteria

Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura della biglietteria

 

chiudi