Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Ferrara
    MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah
  • Ferrara
    MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Ferrara
Musei

 

Per effetto del DPCM del 15 Gennaio 2021 il sito resterà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi

Il MEIS è costituito dall’ampio complesso delle ex carceri cittadine, collocato in pieno centro, a breve distanza dall’area dell’ex ghetto, dove si trovano tuttora le storiche sinagoghe e altri importanti segni del celebre passato ebraico di Ferrara.

L’edificio, inaugurato nel 1912, venne dismesso nel 1992. Attraverso qualificati interventi urbanistici e architettonici, un luogo di segregazione e di esclusione è stato recuperato e trasformato in uno spazio permeabile a persone e idee.

Sono stati restaurati la Palazzina di via Piangipane e l’ex carcere di Ferrara la cui riconversione ha ottenuto la prima certificazione Gbc Historic Building in Italia, in base al protocollo ideato dal Green Building Council per gli edifici storici riqualificati in nome dell'ecosostenibilità.

Il MEIS sarà completato con la costruzione di edifici moderni, connotati da volumi che richiamano i cinque libri della Torà, la conclusione dei lavori dovrebbe essere prevista nel 2020.

Con l’istituzione del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah - MEIS lo Stato italiano si è impegnato a offrire al pubblico la prima presentazione organica del patrimonio e dell'eredità dell'ebraismo italiano. La gestione del Museo è affidata a una Fondazione costituita da MIBACT, Comune di Ferrara, CDEC (Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea di Milano) e UCEI (Unione delle Comunità Ebraiche Italiane).
 

  • Al MEIS si è accolti dallo spettacolo multimediale “Con gli occhi degli Ebrei italiani”, che offre una carrellata sulla storia della penisola dal punto di vista di un ebreo italiano dall’antica Israele ai giorni nostri. Il visitatore viene accompagnato da Gerusalemme a Roma per comprendere il trauma della distruzione del Tempio ad opera dei Romani, quanta vita ebraica ci fosse sotto Giulio Cesare, come i pagani confondessero gli Ebrei con i primi cristiani, e come il cristianesimo, una volta assurto a religione ufficiale, abbia inizialmente tollerato i giudei, salvo poi emarginarli. Una storia dalla quale si evince che l’Italia è stata costruita anche con gli Ebrei e dagli Ebrei che sono anticamente parte del tessuto e della ricchezza del nostro Paese, essendo giunti in Italia ben prima dei longobardi, dei normanni, dei franchi e degli spagnoli. Che hanno combattuto nelle guerre italiane, per il Risorgimento e per la liberazione. Che hanno sempre lavorato per fecondare questa terra, non a caso in ebraico chiamata I-Tal-Ya, “l’isola della rugiada divina”.
     
  • Il MEIS al proprio interno ha il “Giardino delle domande” dove con un approccio ludico e interattivo il pubblico può passeggiare avvicinandosi alla cultura ebraica attraverso i suoi odori e sapori, soddisfacendo certe curiosità piuttosto diffuse – ad esempio, perché gli ebrei non mangino il maiale – e fa riflettere sulle differenze, ma pure sulle tante analogie, con altre tradizioni.
     
  • Ebrei, una storia italiana
    “Ebrei, una storia italiana” si trova al secondo piano del museo. Attraverso i contributi video di alcuni esperti, oggetti preziosi e rari, pause immersive, inserti multimediali, ricostruzioni (il Tempio di Gerusalemme, l’Arco di Tito, le catacombe ebraiche, le sinagoghe di Ostia e Bova Marina, il percorso individua le aree di origine e dispersione del popolo ebraico, e ripercorre le rotte dell’esilio verso il Mediterraneo occidentale. Documenta la permanenza a Roma e nel sud Italia, parla di migrazione, schiavitù, integrazione e intolleranza religiosa, in rapporto sia al mondo pagano che a quello cristiano. Segue la fioritura dell’ebraismo nell'Italia meridionale nel Medioevo e arriva fino all’epoca del Rinascimento, un periodo in cui la ricchezza culturale è determinata dall’incontro con l’Altro, non cancellando però di episodi di scontro ed emarginazione.
     

    1938: l’umanità negata
    La mostra multimediale “1938: l’umanità negata”, a cura di Paco Lanciano e Giovanni Grasso. Una esperienza immersiva che permette al visitatore di entrare in contatto con il dramma delle leggi razziali, l’esclusione sociale, la persecuzione nazifascista e lo sterminio. Il percorso concepito dai due curatori è arricchito al MEIS dall’installazione site-specific dell’artista israeliano Dani Karavan, creata per ricordare l’esperienza italiana della Shoah.

prendi nota!

MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

Via Piangipane, 81 - Ferrara

 

  • In auto

A13 da Padova uscita Ferrara Nord

A13 da Bologna uscita Ferrara Sud

Parcheggio gratuito Ex-Mof in via Darsena

  • In autobus di linea

Dalla stazione ferroviaria autobus n. 2 collegamento ogni 20 min

Servizi e Accessibilità

visite didattiche singoli
visite didattiche gruppi
visite didattiche scuole
bookshop
sito accessibile


NEWS

  • Per effetto del DPCM del 15 Gennaio 2021 il sito resterà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi 

  • dal 3 al 5 febbraio 2021: ap​ertura solo mostra multimediale “1938 l’umanità negata.”.

  • dal 10 febbraio al 5 marzo 2021: ape​rtura mostra “1938 l’umanità negata.” + percorso permanente “Ebrei, una storia italiana”

Info e Prenotazioni

MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Ferrara

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Singoli
  •  

     

Gruppi
  • ​Visite guidate per gruppi (6-10 persone): euro 5.00 + biglietto di ingresso ridotto gruppi euro 5.00

Scuole
  • ​Laboratori didattici e visite per scuole (massimo 10 bambini): euro 4,00 + biglietto scuole euro 4.00

chiudi

MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Ferrara

Coopculture

Orario

Aperto

dal 3 febbraio 2021, nei giorni di mercoledì, giovedì e venerdì, 
11:00-13:00 e 15:00-18:00
 

Chiuso

chiuso lunedì, martedì, sabato e domenica.

 

Biglietteria

La biglietteria chiude 30 minuti prima dell’orario di chiusura del Museo, il giovedì un'ora prima

 

chiudi