Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte
    Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte
    Napoli - Mostre, dal 30/06/18 al 01/03/19
  • Museo e Real Bosco di Capodimonte
    Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte
    Museo e Real Bosco di Capodimonte, dal 30/06/18 al 01/03/19

Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte

Napoli
Mostre

 

La mostra Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte, a cura di Sylvain Bellenger, porta per la prima volta al Museo e Real Bosco di Capodimonte l’opera dell’artista napoletano Paolo La Motta (1972) nell’ambito del ciclo di esposizioni Incontri sensibili, nel quale opere di artisti contemporanei dialogano con la collezione storica di Capodimonte.

Dopo Bourgeois e Guarino (26 marzo – 17 giugno 2017) e Jan Fabre. Naturalia e Mirabilia (1 luglio – 7 gennaio 2017), l’opera di Paolo La Motta si rapporta con alcune opere del museo, da lui scelte, di tecniche differenti e epoche diverse, sollecitando una inconsueta riflessione sull’arte, come storia della sensibilità, e consentendo di svelarne significati inaspettati.

L’artista racconta che da ragazzo, giocando nel Bosco di Capodimonteoltre l’orario di chiusura, ebbe paura di saltare il muro di cinta.

Piace pensare che il giovane Paolo non sia mai davvero uscito dal Bosco di Capodimonte, e che le sue paure siano state vinte con la sua arte che nasce da un dialogo ininterrotto con le opere della grande collezione del museo.

La sensibilità plastica delle sue opere non è prigioniera di una specifica scuola o di una sola epoca artistica: il Rinascimento, il Seicento, l’Ottocento napoletano e l’astrattismo, scoperti proprio nella Reggia borbonica, sono ben coniugati nei suoi dipinti.

La Motta si interessa a tutte le possibilità del linguaggio pittorico e rende la sua opera prova inconfutabile del ruolo che il Museo di Capodimonte ha avuto e continua ad avere sull’arte contemporanea.

 

bookshop
guardaroba
caffetteria
sito accessibile

NEWS

  • Il Museo sarà aperto giovedì 15 agosto fino alle ore 17.00. Il Parco seguirà gli orari consueti
     
  • Il sito sarà aperto gratuitamente tutte le prime domeniche del mese da ottobre a marzo e nelle seguenti date:

7 aprile
5 maggio
2 giugno
7 luglio
14 luglio
21 luglio
4 agosto
1 settembre
 

Info e Prenotazioni

dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00
sabato dalle 9.00 alle 14.00

848 800 288
+39 06 399 67 050 da cellulari e dall'estero

Incontri sensibili: Paolo La Motta guarda Capodimonte


Napoli

Coopculture

Biglietteria

chiudi