Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe
    E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe
    Roma - Mostre, dal 07/07/18 al 23/09/18
  • E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe
    E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe
    Roma - Mostre, dal 07/07/18 al 23/09/18
  • SANTUARIO DI ERCOLE VINCITORE
    E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe
    SANTUARIO DI ERCOLE VINCITORE, dal 07/07/18 al 23/09/18

E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe

Tivoli
Mostre

 

In occasione dell’anniversario della morte del poeta Ovidio, una mostra nell’antico Santuario di Ercole Vincitore, luogo ove si conserva, oggi un gruppo scultoreo di Niobìdi di estrema rilevanza, recentemente rinvenuto.

La sensazionale scoperta delle statue è avvenuta, infatti, nell’estate del 2012 all’interno del Barco Colonna, in una natatio legata al quartiere termale di una villa Romana, già attribuita alla famiglia dei Valerii Messallae. L’esponente più insigne della famiglia in età augustea, il celebre Marco Valerio Messalla Corvino, console nel 31 a. C. con Ottaviano, fu poeta egli stesso e protettore di Tibullo e di Ovidio e, a tal riguardo, non è un caso che una delle descrizioni più celebri del mito di Niobe e dei suoi sventurati figli si trovi proprio nelle Metamorfosi di Ovidio.
In questa prospettiva, il tema della strage antica diventa, quindi, occasione di riflessione e confronto con l’iconografia della violenza dal Rinascimento all’età contemporanea, fino ai tempi nostri, connotandosi in stilemi e rappresentazioni figurative che interessano temi stringenti per l’attualità come il genocidio, la guerra, e rispecchiandosi nella grande letteratura contemporanea.

Il percorso della mostra prevede soprattutto opere dell’antichità, il cui perno fondamentale rimane il gruppo scoperto a Ciampino (Roma), per poi proseguire con una serie di monete che dimostrano come il mito abbia fatto breccia anche nel settore della numismatica. Non mancano dipinti di epoca più tarda, soprattutto di età moderna, a testimoniare il fascino duraturo del mito antico, fino ad arrivare ad opere di arte contemporanea che ci conducono ad una riflessione attenta e concreta sulle problematiche dei giorni nostri.

Il santuario di Ercole Vincitore è uno dei maggiori complessi sacri dell'architettura romana in epoca repubblicana. Situato a Tivoli, venne edificato nel corso del II secolo a.C. Si tratta di una struttura di dimensioni imponenti, realizzata con una serie di terrazzamenti, a picco sul fiume Aniene. La mostra è allestita in due nuove sale del Santuario che ne fungono da palcoscenico.

Info e Prenotazioni

0774-382733 / 06-39967900

E dimmi che non vuoi morire: il mito di Niobe


Tivoli

Coopculture

Tariffe

Biglietto d'ingresso
  • - Intero € 8
  • - Ridotto € 5.50
Pacchetto
  • Integrato: Santuario Ercole Vincitore e Villa Adriana 
    intero € 15,00
    ridotto € 7,50

     

    • Bus navetta da sabato 11 agosto

    € 6.00 | gratuito per bambini sotto i 2 anni

    Orari 
    ogni sabato e domenica

    da Villa Adriana per il Santuario 

    ore 10:30, 11:30, 12:00, 12:30, 14:00, 15:00, 16:00, 17:00 e 17:30

    ​dal Santuario per Villa Adriana
    10:45, 11:4,5 12:15, 12:45, 14:15, 15:15, 16:15, 17:15 e 17:45

Gruppi
  • Su prenotazione
Visite Didattiche e altri servizi acquistabili
  • Visite guidate a partenza fissa con prenotazione 
    sabato e domenica ore 11.00
    domenica anche ore 19.30 fino al 26 agosto

    € 5,00 | gratuito per bambini sotto i 2 anni

     

chiudi