Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Gli Ebrei a Shanghai
    Gli Ebrei a Shanghai
    Padova - Mostre, dal 14/01/18 al 29/01/18
  • Sinagoga e Museo della Padova Ebraica
    Gli Ebrei a Shanghai
    Sinagoga e Museo della Padova Ebraica, dal 14/01/18 al 29/01/18

Gli Ebrei a Shanghai

Padova
Mostre

 

In occasione della Giornata della Memoria, l’esposizione Gli Ebrei a Shanghai vuole portare all’attenzione del pubblico Padovano un pezzo di storia della Comunità Ebraica ancora poco conosciuto: l’arrivo di decine di migliaia di Ebrei in Cina in fuga dalla ferocia nazista durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale e il loro insediamento in un quartiere di Shanghai.
A partire dal 1938 una parte della popolazione ebraica in fuga dall’Europa, e in particolare dall’Austria e dalla Polonia, oppresse dalla morsa del nazifascismo e delle leggi razziali, trovò rifugio a Shanghai.
Vitale fu l’aiuto offerto dal console generale cinese a Vienna, Ho Feng Shan, che, nonostante la forte ostilità del Ministero degli Esteri cinese e dell’ambasciatore cinese a Berlino interessati a mantenere l’appoggio della Germania nella lotta cinese contro il Giappone, concesse visti a circa 13.000 ebrei, aprendo loro una via di salvezza.
Attraverso fotografie, documenti e testimonianze, l’esposizione Gli Ebrei a Shanghai organizzata dall’Istituto Confucio all’Università di Padova e dal Museo della Padova Ebraica illustra alcuni aspetti della vita collettiva vissuta a Shanghai nel periodo 1938 – 1948 dalla comunità di rifugiati ebrei, sradicati dai propri Paesi di origine e costretti a vivere in una realtà completamente nuova.
Nel 1942, con l’ingresso dei Giapponesi a Shanghai, le autorità nipponiche imposero l’istituzione di un’area designata per i rifugiati ebrei, definiti apolidi, chiudendoli nel quartiere di Hongkou che divenne sostanzialmente un ghetto all'interno della città di Shanghai. I giapponesi però non misero mai in pratica i piani tedeschi di sterminio della popolazione ebraica. Il ghetto esaurì la sua funzione nell’immediato dopoguerra, quando la maggior parte dei residenti si trasferì negli Stati Uniti, in Australia, in Canada o in Israele per iniziare una nuova vita.
Tra i molti personaggi famosi che transitarono nel ghetto di Shanghai l’Istituto Confucio all'Università di Padova vuole in particolare ricordare George Zames, un insigne scienziato che ha dato contributi fondamentali nel campo della scienza dei sistemi e dei controlli automatici.
bookshop

CLICCA QUI PER IL VIRTUAL TOUR ITINERARI EBRAICI DI PADOVA

PER SAPERNE DI PU' SULLE PIETRE D'INCIAMPO CLICCA QUI

 

  • MOSTRA FOTOGRAFICA TEMPORANEA

Gerusalemme punto d’ incontro
Jerusalem a meeting point

מפגש מקום ירושלים
14 aprile - 23 giugno 2019

Il viaggiare di Mariagrazia
Il Museo della Padova Ebraica ospiterà una selezione di foto di Mariagrazia Cavallo artista che riesce a dimostrare con le sue foto come una donna sorda, ebrea di origine, gira il mondo da sola riuscendo a superare le difficoltà di comunicazione e tramite i suoi scatti…sente e parla con le immagini.

Gli Ebrei a Shanghai


Padova

Coopculture

Biglietteria

Pacchetto
  • ingresso gratuito alla mostra biglietto al museo a pagamento

chiudi