Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Nel segno di Gabriella Oreffice tra ritratto e paesaggio
    Nel segno di Gabriella Oreffice tra ritratto e paesaggio
    Padova - Mostre, dal 17/06/16 al 11/09/16
  • Museo della Padova Ebraica
    Nel segno di Gabriella Oreffice tra ritratto e paesaggio
    Museo della Padova Ebraica, dal 17/06/16 al 11/09/16

Nel segno di Gabriella Oreffice tra ritratto e paesaggio

Padova
Mostre

 

 

Una decina di opere, un piccolo tributo che il Museo della Padova Ebraica vuole dedicare all’artista Gabriella Oreffice, grazie alla generosa collaborazione dei due figli: Lia e Michele.

Tra le opere esposte  i disegni a matita sanguigna, ricchi di poesia calata nella quotidianità, e gli olii su tavola per raccontare l’evoluzione dei suoi cromatismi, come cambia l’uso del colore dalle nature morte alle atmosferiche vedute della laguna veneziana.

 

 

bookshop

CLICCA QUI PER IL VIRTUAL TOUR ITINERARI EBRAICI DI PADOVA

 

  • Luigi Mercanzin. Esedra

foto di scena della video installazione "Generazione va, Generazione viene”, regia di Denis Brotto
dal 28/06/18 al 14/10/18

Esedra era il titolo di lavorazione della video installazione "Generazione va, generazione viene" che caratterizza la sala museale; non poteva non esserlo per la raccolta scelta di quelle che sono le mappe dei territorî esplorati dalla troupe. Territorî situati tra realtà e immaginario.
La fotografia media. Lo strumento viene caricato di senso nell'atto dello scatto e l'azione è quella del cartografo in volo – la fotografia è aerea perché lo scenario è vasto e inesplorabile da terra anche se già calpestato.
Il singolo scatto spesso non basta – non fissiamoci con l'idea che la grandangolarità dell'ottica sia la soluzione. In quale altro modo ripresentare l'estendersi dei corpi mobili o immobili?
Il monocromo è una necessità scultorea e una porta aperta per noi osservatori. Entriamo e possiamo colorare senza timore con il nostro spettro luminoso.
Mercanzin Luigi (Padova 1977) pittore. Di formazione classica, in ambito veneto, non si distingue per l'arditezza dell'invenzione, ma per un placido immaginario trascendentale.

Info e Prenotazioni

Inaugurazione giovedì 17 giugno ore 17.30 

Il  percorso artistico e di vita di Gabriella Oreffice verrà introdotto dalla storica e critica Virginia Baradel 

A seguire  aperitivo kasher.

Ingresso libero

Nel segno di Gabriella Oreffice tra ritratto e paesaggio


Padova

Coopculture

Biglietteria

Biglietto d'ingresso
  • - Intero € 8
  • - Ridotto € 6.50

chiudi