Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • RIVOLUZIONE AUGUSTO
    RIVOLUZIONE AUGUSTO
    L’imperatore che riscrisse il tempo e la città
    Roma - Mostre, dal 16/12/14 al 02/06/15
  • Palazzo Massimo
    RIVOLUZIONE AUGUSTO
    L’imperatore che riscrisse il tempo e la città
    Palazzo Massimo, dal 16/12/14 al 02/06/15

RIVOLUZIONE AUGUSTO L’imperatore che riscrisse il tempo e la città

Roma
Mostre

 

E’ la mostra a chiusura del ricco programma di interventi legati alla ricorrenza del Bimillenario augusteo promosso dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma.

Il Museo Nazionale Romano in Palazzo Massimo porta il suo contributo alle celebrazioni con una rassegna che scaturisce dalle celebri opere legate alla figura di Augusto appartenenti alla collezione del museo stesso: prime fra tutte la famosa statua dell’imperatore in veste di pontefice massimo e le lastre del calendario prenestino, di età augustea.

Era il pontefice massimo la figura preposta alla gestione del calendario, di cui il museo conserva le lastre dei Fasti Antiates e dei Fasti Praenestini, i calendari che segnavano il tempo prima e dopo la riforma di Giulio Cesare del 46 a.C.

Augusto, proprio perché ricoprì anche la carica di pontefice, poté modificare l’organizzazione del tempo nella capitale, e quindi nell’impero, introducendo delle festività in onore del principe e della domus Augusta. Una vera e propria rivoluzione che mutò l’ordine del tempo.

Augusto con il calendario amplia e riorganizza anche il tessuto urbano di Roma istituendo 14 regiones, all’interno delle quali vi sono 265 vici che gestiscono il nuovo culto dei Lares Augusti, figure protettrici della casa dell’imperatore.

Per una visione più completa della lettura dei calendari, ai Fasti Praenestini sono stati affiancati i Fasti Amiternini che riguardano mesi non compresi nei primi e i Fasti Albenses, che rappresentano una novità assoluta, perché scoperti di recente e qui esposti per la prima volta. Come appare evidente dai loro nomi, i tre calendari in mostra appartengono a province romane, a riprova dell’adeguamento della riforma augustea in tutto l’impero.

La mostra si arricchisce di una serie di strumenti multimediali che integrano la lettura delle opere esposte con l’approfondendo della figura rivoluzionaria di Augusto.

Per comprendere i legami del princeps con la famiglia Giulio-Claudia è stato creato uno strumento originale: l’Hyper-biografia. Grazie all’uso di una grande postazione digitale sarà possibile avviare un’esperienza che riesca a comunicare – utilizzando lo spazio tridimensionale e la scansione del tempo – le vite e le relazioni politiche e familiari dei personaggi storici in maniera nuova, dinamica e semplice. Il sistema sarà fruibile dal pubblico, che potrà interagire attraverso i gesti con le figure dell’albero genealogico del primo imperatore di Roma. Il percorso culmina in una visione aerea di Roma che mostra il grandioso progetto urbanistico ed edilizio di Augusto, di cui ancora oggi restano consistenti testimonianze.

link:

bookshop
guardaroba
sito accessibile

NEWS

  • APERTURE SERALI SETTEMBRE 2020
    Durante il mese di settembre, saranno aperte in orari serali le sedi del MNR:
    Palazzo Massimo e Terme di Diocleziano, 3, 10 e 17 settembre, dalle 19.45 alle 22.30 in continuità con l'apertura ordinaria (ultimo ingresso e chiusura biglietteria ore 21.45)
    Palazzo Altemps,4 -5; 11-12 e 18-19 settembre, dalle 19.45 alle 22.30 in continuità con l'apertura ordinaria (ultimo ingresso e chiusura biglietteria ore 21.45)
     
  • GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2020
    26 e 27 settembre 2020

    Le Giornate Europee del Patrimonio (GEP 2020) si terranno nel fine settimana del 26-27 settembre 2020, con apertura straordinaria serale e tema “Imparare per la vita”, nella traduzione del tema europeo Heritage and Education. Learning for Life.
    Gli istituti museali statali osserveranno gli orari di apertura ordinari, con i consueti costi (e le agevolazioni e gratuità previste per legge) per le aperture diurne di sabato 26 e di domenica 27 settembre.
    L’apertura straordinaria serale di sabato 26 settembre sarà di 3 ore, con biglietto di ingresso al costo simbolico di 1 euro (eccetto le gratuità previste per legge).

Info e Prenotazioni

dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00
il sabato dalle 9.00 alle 14.00
+39 06 39967700

RIVOLUZIONE AUGUSTO
L’imperatore che riscrisse il tempo e la città


Roma

Coopculture

Biglietteria

chiudi