Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • SPORT, SPORTIVI E GIOCHI OLIMPICI nell’Europa della guerra (1936- 1948)
    SPORT, SPORTIVI E GIOCHI OLIMPICI nell’Europa della guerra (1936- 1948)
    Venezia - Mostre, dal 03/02/14 al 28/02/14
  • Museo Ebraico di Venezia
    SPORT, SPORTIVI E GIOCHI OLIMPICI nell’Europa della guerra (1936- 1948)
    Museo Ebraico di Venezia, dal 03/02/14 al 28/02/14

SPORT, SPORTIVI E GIOCHI OLIMPICI nell’Europa della guerra (1936- 1948)

Venezia
Mostre

 

Dalla loro riscoperta ad Atene nel 1896, i Giochi Olimpici contemporanei appassionano e occupano uno spazio crescente nell’immaginario collettivo, nella società e nella vita politica.      

Le Olimpiadi verranno strumentalizzate dal punto di vista ideologico per la diffusione della propaganda nazista in Europa. Come reazione, vengono lanciati diversi appelli a boicottare i Giochi in nome dei principi fondamentali delle democrazie e dello spirito olimpico. L’inefficacia delle campagne di opinione per il boicottaggio, la rinuncia dei comitati olimpici nazionali a prendere posizione, nonché l’inedita risonanza mediatica attorno a questa edizione dei Giochi sembrano rendere inevitabile lo svolgimento dell’Olimpiade a Berlino.      

Quando la seconda guerra mondiale scatena in Europa il terrore nazista, lo sport diventa uno strumento di sottomissione e di crudeltà usato contro le vittime dell’universo concentrazionario.  

La mostra, curata dal Mémorial de la Shoah di Parigi, è stata fortemente voluta dalla Comunità Ebraica di Venezia e Coopculture sostenuti dal Mémorial de la Shoah di Parigi . 

link:

bookshop
caffetteria

Alef, la libreria del ghetto: bookshop del museo specializzato in cultura e religione ebraica

 

NEWS

  • The new Haggadah

di Arik Brauer
mostra temporanea dal 6 maggio – 26 agosto 2018

L'artista Arik Brauer propone una sua lettura del racconto della liberazione dalla schiavitù d'Egitto: 24 tavole che sono state per la prima volta in mostra al museo ebraico di Vienna ed ora arrivano a Venezia.
Quest'opera offre una specifica chiave interpretativa all’evento ricordato dalla pasqua ebraica. Il testo biblico include commenti del rabbino capo di vienna Paul Chaim Eisenberg, e degli autori israeliani Joshua Sobol and Erwin Javor.
Arik Brauer, è nato a Vienna nel 1929, è nato da una famiglia ebrea , suo padre è morto in campo di concentramento. Dopo gli studi all’Accademia di belle arti di Vienna ha creato la “Viennese School of Fantastic Realism” con Rudolf Hausner, Ernst Fuchs, Wolfgang Hutter e Anton Lehmden.

 

Info e Prenotazioni

+39 041 715 359

SPORT, SPORTIVI E GIOCHI OLIMPICI nell’Europa della guerra (1936- 1948)


Venezia

Coopculture

Biglietteria

Biglietto d'ingresso
  • - Intero € 4
  • - Ridotto € 3

chiudi