Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Di chi è Roma? Città merce vs bene comune | Con la proiezione di Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto
    Di chi è Roma? Città merce vs bene comune | Con la proiezione di Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto
    Roma - Iniziative Speciali, 26/02/2020
  • Palazzo Merulana
    Di chi è Roma? Città merce vs bene comune | Con la proiezione di Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto
    Palazzo Merulana, 26/02/2020

Di chi è Roma? Città merce vs bene comune | Con la proiezione di Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto

Roma
Iniziative Speciali

 

Proseguono gli incontri di Collettiva. In questo secondo appuntamento del 2020 rifletteremo su trasformazioni urbanistiche, accumulazione immobiliare e finanziaria, “overturism” e “gentrification”, a partire dal documentario di Arianna Lodeserto Le case che eravamo (2018)

Attraverso materiali d’archivio, il cortometraggio ripercorre i primi cinquant’anni di attività dell'Istituto Autonomo Case Popolari e le lotte per il diritto all’abitare.
La pellicola offre una panoramica sui primi cinquant’anni di attività dell'Istituto, che avevano creato a partire dalla fine degli anni 40 una vera e propria «città nella città»,  per far fronte a quello che si presentava e si presenta ancora come il problema “più grave, tra quelli che si prospettano alla città di Roma”: il problema edilizio.
E come si compone la città, oggi? Chi ne resta escluso? Chi resiste esplorando rotte alternative?

Uguaglianza, diritti e libertà nell’abitare la città e gli spazi pubblici: durante l’incontro ci interrogheremo sul come dare vita a città aperte e porose, dinamiche, che favoriscano la cooperazione e le trasformazioni urbanistiche a misura e in favore del cittadino.

Proiezione del documentario Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto

A discuterne ci saranno:

Paolo Berdini, urbanista, già assessore all’Urbanistica e ai lavori pubblici
Alessandro Coppola, ricercatore Politecnico di Milano, curatore di Roma in transizione
Sarah Gainsforth, giornalista e autrice di Airbnb città-merce
Lorenzo Romito, architetto, Stalker/NoWorking

modera
Giuliano Battiston, Collettiva

bookshop
guardaroba
caffetteria
sito accessibile

NEWS

  • In occasione dell’allestimento della mostra VITTORIO STORARO. SCRIVERE CON LA LUCE, che aprirà al pubblico a partire da venerdì             
    18 settembre 2020, le sale espositive di Palazzo Merulana saranno chiuse al pubblico nei giorni 16 e 17 settembre 2020.
    In questi due giorni, il CafeCulture seguirà i seguenti orari:
    mercoledì 16 settembre 2020, dalle 9 alle 21
    giovedì 17 settembre 2020, dalle 9 alle 15

 

 

  • DA MERCOLEDI' 15 LUGLIO 2020 PALAZZO MERULANA RIAPRE AL PUBBLICO
    MODALITA' DI VISITA

     

    Il biglietto di ingresso consente l’accesso alla Collezione Cerasi, rinnovata nel suo allestimento e integrata di nuove opere inedite, e alla mostra “Tina Modotti. L’Eros della Rivoluzione” 
    Gli accessi alle sale espositive sono contingentati e organizzati su turni di ingresso previsti ogni ora dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00, per un massimo di 20 persone alla volta. 
    Per accedere alle sale espositive di Palazzo Merulana è obbligatorio per i visitatori indossare una mascherina che copra naso e bocca, che andrà tenuta indossata per tutta la durata della visita. Al loro ingresso, i visitatori saranno sottoposti alla misurazione della temperatura corporea e per colori i quali questa risulterà superiore ai 37,5°C, l’accesso verrà negato. 
    All’interno delle sale espositive di Palazzo Merulana occorre mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro, al fine di evitare assembramenti. L’accesso alle sale espositive è consentito esclusivamente accompagnati da una figura del Palazzo. 
    Si raccomanda a tutti i visitatori di Palazzo Merulana di seguire e rispettare con attenzione le regole sanitarie, poste a garanzia della salute e della sicurezza di tutti. Queste includono, oltre all’indossare una mascherina che copra naso e bocca per tutta la durata della visita, anche l’igienizzazione delle mani tramite una soluzione idro-alcolica resa disponibile all’ingresso delle sale espositive di Palazzo Merulana, e l’utilizzo degli ascensori strettamente consentito a persone con difficoltà deambulatorie o con particolari condizioni di salute che lo suggeriscano che comunque è possibile solo una persona per volta o più se appartenenti allo stesso gruppo familiare. 

Info e Prenotazioni

+39 0639967800

Di chi è Roma? Città merce vs bene comune | Con la proiezione di Le case che eravamo, di Arianna Lodeserto


Roma

Coopculture

Biglietteria

Pacchetto
  • partecipazione gratuita fino ad esaurimento posti disponibili 

chiudi