Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • PRESENTAZIONE DEL LIBRO “EPITAFFI GRECI”, DI FRANCO MASINO
    PRESENTAZIONE DEL LIBRO “EPITAFFI GRECI”, DI FRANCO MASINO
    Roma - Reading, 29/05/2019
  • Palazzo Merulana
    PRESENTAZIONE DEL LIBRO “EPITAFFI GRECI”, DI FRANCO MASINO
    Palazzo Merulana, 29/05/2019

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “EPITAFFI GRECI”, DI FRANCO MASINO

Roma
Reading

 

La civiltà greca, forse più di ogni altra cultura antica, sembra aver avuto una particolare predisposizione ad iscrivere quasi qualunque oggetto, prodotto, spazio utili a contenere lettere, frasi, veri e propri testi articolati, finanche componimenti poetici di altissima fattura. Centinaia di migliaia sono le testimonianze di epigrafi che la Grecia antica ci ha lasciato. Fra questi, un posto di rilievo occupano le epigrafi di carattere sepolcrale, e, fra queste, le epigrafi in versi. Commissionate soprattutto dalle famiglie più colte e facoltose, queste testimonianze aprono un orizzonte straordinario e tutto da scoprire sulla civiltà antica: greca, ma non solo, visto che in lingua ellenica, sentita come la lingua della cultura e della poesia, sono realizzati anche epitaffi per uomini e donne romani, italici, o di altre aree del mondo antico.

‘Sfogliare’ le “pagine di pietra” di questo affascinante repertorio di epitaffi mette di fronte il lettore a migliaia di individui, uomini e donne, bambini e anziani, che vissero e morirono nelle più diverse situazioni. Mette di fronte il lettore, in una parola, alla vita. I casi che ci rivelano colpiscono sempre, a volte per la drammaticità degli eventi, altre volte per la serenità di chi ha saputo affrontarli, spesso per la disarmante attualità di tante sventure, di allora e di oggi.

Testi reali, composti da poeti sconosciuti, per uomini e donne che hanno lasciato in tal modo il loro ricordo nei secoli: anziani che hanno concluso la vita con una vecchiaia serena e giovani morti prematuramente; naufraghi sfortunati e soldati gloriosi; fanciulle appena sposate che Ade ha strappato agli affetti e medici che dopo aver curato altri non hanno potuto curare se stessi. Il quadro che emerge dalle oltre duemila testimonianze è quello di una società multiforme e, per molti aspetti, simile alla nostra: un vero e proprio ‘Spoon River’ dell’antichità.

Nel 1955 il grande epigrafista tedesco Werner Peek pubblicò la più importante raccolta, a tutt’oggi, di epigrammi sepolcrali greci, dall’età arcaica all’epoca cristiana. In oltre dieci anni di lavoro, Franco Mosino, grecista e linguista scomparso nel 2015, tradusse e commentò, per la prima volta al mondo, la raccolta del Peek.  Emanuele Lelli, in collaborazione con un gruppo di studenti del Liceo Tasso di Roma, ne ha curato la revisione, l’aggiornamento e l’introduzione. La Premessa di Giulio Guidorizzi apre orizzonti di lettura suggestivi, antropologici e letterari, in un mondo, quello delle testimonianze epigrafiche, troppo spesso, e a torto, trascurato, e invece ricchissimo di profonda umanità.

Un’opera, dunque, che rende finalmente disponibile al pubblico italiano un materiale imponente per quantità, e particolarissimo per i contenuti: un insostituibile strumento per ogni studioso di antichità classiche, ma anche un affascinante viaggio nel quotidiano dei Greci, per il lettore curioso di oggi.

Intervengono:
Emanuele Lelli, studioso di poesia ellenistica e di letteratura scientifica e tecnica antica;
Rino Bianchi, fotografo e fotogiornalista.

Palazzo Merulana - Giardino delle Sculture

bookshop
guardaroba
caffetteria
sito accessibile

In occasione dell’allestimento della mostra ‘La materia svelata’ dell’artista brasiliano Sidival Fila, Palazzo Merulana seguirà le seguenti variazioni di orario:

  • da mercoledì 28 agosto a domenica 1 settembre saranno accessibili la Sala delle Sculture al piano terra e il Secondo Piano della Collezione Cerasi, con tariffa ridotta a €4.
  • lunedì 2 settembre sarà accessibile esclusivamente la Sala delle Sculture al piano terra, con ingresso gratuito
  • nelle giornate di mercoledì 4 e giovedì 5 settembre, sarà eccezionalmente chiuso al pubblico
  • Palazzo Merulana riaprirà con orari e tariffe ordinarie a partire dal 6 settembre 2019

Info e Prenotazioni

Partecipazione gratuita fino a esaurimento posti
+39 06 39967800

PRESENTAZIONE DEL LIBRO “EPITAFFI GRECI”, DI FRANCO MASINO


Roma

Coopculture

Biglietteria

chiudi