Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • L'accoglienza della cultura. La cultura dell'accoglienza
    L'accoglienza della cultura. La cultura dell'accoglienza
    Agrigento - Iniziative Speciali, dal 26/02/19 al 07/03/19

L'accoglienza della cultura. La cultura dell'accoglienza

Agrigento
Iniziative Speciali

 

Il progetto La cultura dell’accoglienza. L’accoglienza della cultura, promosso da CoopCulture per il Polo culturale di Agrigento, intende creare un legame sia cognitivo che emotivo con il pubblico dei minori tra i quali anche quello degli stranieri migranti minori non accompagnati, con l’obiettivo di creare nella fascia di età adolescenziale un senso di appartenenza al patrimonio culturale e partecipazione alla sua tutela e valorizzazione.

Non un semplice percorso di conoscenza per i giovani beneficiari del progetto, ma un momento di riflessione sulle potenzialità che arte, patrimonio e creatività possono ancora innescare attraverso il dialogo delle culture.

Musica, danza, comunicazione, arte, letteratura in un percorso di apprendistato “artigianale”, diverranno bagaglio di crescita personale e professionale nell’ottica di nuovi modelli di condivisione interculturale.

 

Nell’edizione 2018 del programma, giovani stranieri, migranti minori non accompagnati, e giovani italiani tra i 15 e i 18 anni del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Agrigento si sono incontrati per una serie di visite incontro al Museo Archeologico Pietro Griffo ed alla Valle dei Templi. L’obiettivo, raggiunto, era quello di dimostrare, attraverso gli oggetti del museo, come le nostre radici nel Mediterraneo siano state comuni: lucerne africane e ceramiche del VI e V sec. a. C. sono state comuni ad Africa, Spagna, Grecia, Italia, Libano, Siria, Israele e vari altri paesi che affacciavano su quello che infatti si chiamava “Mare Nostrum”, testimoniando come quello che oggi è un mare discusso e che ci divide con asprezza, un tempo era un “gran lago” che ci univa. Inoltre, il ritrovamento di un donario con testine fittili di africani e vari altri popoli conservato al Museo, diventava chiara testimonianza di quanto si voleva dimostrare.

 

Nell’edizione 2019 sono sempre i giovani i protagonisti: minori stranieri migranti non accompagnati e minori italiani, studenti del Liceo Leonardo di Agrigento, che attraverso i siti della cultura  scopriranno che  saranno proprio quelle che tutti intendono come differenze, le similarità che ci accomunano. Ancora una volta il Museo Archeologico Pietro Griffo e gli oggetti esposti, storie di vita quotidiana comune attraverso ceramiche e sculture; la Valle dei Templi e le nuove scoperte: le domus ellenistiche, le terme, il teatro ed ovviamente i templi cui si aggiunge la straordinaria chiesa di Santa Maria dei Greci: chiesa cristiana medievale costruita all’interno di un tempio greco del V sec. aC e che ospita sepolture cristiane e musulmane insieme sotto un affresco ebraico.

 

Il 26 e 28 febbraio il ciclo di visite interculturali ed emozionali con i ragazzi degli Sprar delle Cooperative Delfino e La mano di Francesco che impegnati in un progetto di narrazione, racconteranno gli oggetti del museo insieme ai loro coetanei e nuovi amici del Liceo Leonardo di Agrigento, dopo un percorso didattico di preparazione con un team di esperti della società CoopCulture, dell’Università La Sapienza di Roma e dall’Università di Palermo.

 

Giovedì 7 marzo andrà in scena al Palacongressi Villaggio Mosè Agrigento il Musical dell’accoglienza “Mediterraneo mare che unisce” che  prende le mosse dal noto spettacolo musicale “Camicette bianche” nato dal libro di Ester Rizzo. Lo spettacolo includerà momenti musicali che andranno dalle melodie italiane ai ritmi d’Africa attraverso una storia fatta di migrazioni incrociate.

Lo spettacolo rientra nel programma della 74 edizione del Festival del Mandorlo in Fiore.

I ragazzi, gli stessi che avranno presentato il museo, sfruttando la musica come metafora di integrazione, incontro, sviluppo di competenze nei giovani, oltre ogni barriera linguistica, geografica e culturale presenteranno lo spettacolo il 7 marzo alle ore 09.30 per tutte le scuole che si prenoteranno e alle ore 20.30 per le famiglie ed il pubblico del Mandorlo in fiore:

Programma

Ore 9.30 spettacolo gratuito per le scuole

Ore 20.30 spettacolo di beneficenza (3 euro)*

Palacongressi Villaggio Mosè Agrigento

Si raccomanda la prenotazione. Per informazioni e prenotazioni

Tel. 0922 1839996

www.coopculture.it

*Il ricavato dello spettacolo sarà devoluto alla Caritas di Agrigento per opere di beneficenza

 

 

 

Info e Prenotazioni

0922 1839996

L'accoglienza della cultura. La cultura dell'accoglienza


Agrigento

Coopculture

Tariffe

Come Acquistare

Biglietto on-line
  • Ticket On LIne
Biglietto evento
  • - Intero € 3
Pacchetto
  • spettacolo di beneficenza 3 euro, il  ricavato dello spettacolo sarà devoluto alla Caritas di Agrigento per opere di beneficenzaPalacongressi Villaggio Mosè Agrigento

     

chiudi