Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • L'ECO DEL CLASSICO
    L'ECO DEL CLASSICO
    Agrigento - Mostre, dal 17/12/18 al 24/02/19
  • Museo Archeologico Regionale
    L'ECO DEL CLASSICO
    Museo Archeologico Regionale "Pietro Griffo", dal 17/12/18 al 24/02/19

L'ECO DEL CLASSICO

Agrigento
Mostre

 

Tra Villa Aurea e l’ auditorium Lizzi del Museo Archeologico “Pietro Griffo”, “L’eco del classico. La Valle dei Templi allo studio museo Francesco Messina”.
Le opere che lo scultore Francesco Messina ha lasciato in eredità alla città di Milano arrivano in Sicilia, e avviano un dialogo con i capolavori dell’antichità a cui l’artista si è sempre ispirato. La mostra nasce dalla collaborazione tra lo Studio Museo Francesco Messina e la Valle dei Templi, con il Parco Archeologico e Paesaggistico e la Soprintendenza.
Francesco Messina è tra gli scultori più importanti legati all’Accademia di Brera, dove ha avuto per decenni il suo studio prima di vedersi affidare in comodato d’uso, nel 1975 con la cittadinanza elettiva, l’ex chiesa di San Sisto, sconsacrata e già monumento nazionale, oggi Museo e laboratorio di scultura aperto alle nuove istanze del contemporaneo.
La mostra “L’eco del classico. La Valle dei templi allo Studio Museo Francesco Messina” rivela quindi, attraverso il confronto delle opere di Messina con i reperti antichi, il grande apporto della classicità nelle poetiche del Novecento; idea e forma di una visione che rimane, per ampiezza e lucidità di pensiero, paradigma necessario alla contemporaneità. La mostra a cura di Valentina Cammineci, Maria Fratelli, Carla Guzzone, Donatella Mangione, Maria Concetta Parello, Giuseppe Parello e Maria Serena Rizzo prosegue la ricerca ideale sulle modernità dell’antico. Con questa ampia rassegna antologica, che corrisponde al testamento spirituale dell’artista, la mostra segna il primo ritorno in patria delle opere dello scultore (nato a Linguaglossa il 15 dicembre del 1900 e scomparso a Milano il 13 settembre 1995); vuole anche offrire uno spunto per riavviare gli studi sull’opera di uno dei più grandi maestri del Novecento.

 
Le opere di Francesco Messina, dopo Agrigento dove resteranno fino al 21 marzo, raggiungeranno il Museo civico di Linguaglossa, cittadina natale di Messina; e il Parco Archeologico di Naxos dove, con altri riferimenti artistici e culturali, sarà possibile indagare il lavoro dello scultore sulle fonti della sua figurazione. Da non dimenticare infatti che la passione di Messina per l’antichità si era concretizzata in una collezione di oltre 70 reperti da lui raccolti, oggi in deposito alla Soprintendenza archeologica di Milano.

prendi nota!

L'ECO DEL CLASSICO

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

Dove

Museo Archeologico Regionale "Pietro Griffo"

Agrigento

Museo Archeologico Regionale "Pietro Griffo"

Visualizza sulla Mappa

Questo evento non è abilitato all'acquisto del biglietto online.
sito accessibile

L'ECO DEL CLASSICO


Agrigento

Coopculture

Quando

da Lunedì 17 Dicembre 2018 a Domenica 24 Febbraio 2019

chiudi

L'ECO DEL CLASSICO


Agrigento

Coopculture

Biglietteria

Pacchetto
  • ingresso gratuito

chiudi