Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Diritto alla cura: "Curami che ti curo"
    Diritto alla cura: "Curami che ti curo"
    Siena, Progetto Speciale Siena , dal 27/10/14 al 30/06/15
    Laboratorio del progetto "Al bimbo fai sapere quanti diritti ha in suo potere"

Diritto alla cura: "Curami che ti curo"

Attività Didattiche
Toscana

 

L’ampio progetto dedicato al 25° anniversario della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia del 1989, ha come scopo generale quello di avvicinare i soggetti di questo importante documento ai suoi contenuti. Ogni diversa attività legata ai vari diritti che si sono scelti, cerca di “far vivere” ai bambini la situazione di diritto privilegiando pertanto un approccio esperienziale adatto ad introdurli in un percorso di conoscenza dei propri diritti, e contestualmente dei propri doveri.  


SCUOLA DELL'INFANZIA
L'attività didattica si svilupperà attraverso un primo percorso reale all'interno dell'orto ed uno simbolico all'interno del diritto. Dopo un breve “viaggio” per i sentieri dell’orto botanico, in sede di laboratorio, i bambini giocheranno ad individuare pochi semplici "diritti delle piante" necessari a garantirne la cura. L'attività si concluderà con una semina che permetterà ad ogni bambino di portare a casa la propria piantina su cui esercitare le pratiche di cura.


SCUOLA PRIMARIA
L’attività introduttiva di visita interattiva agli spazi dell’orto botanico servirà a ribadire il ruolo fondamentale che la natura riveste nella vita degli esseri umani e la necessità, quindi, di prendersene cura. Muniti di taccuino e penna, i bambini diventeranno detective/medici all’interno dell’orto botanico: qui segnaleranno le piante che necessitano di cure speciali (ad es. quelle secche, ecc.) e i rimedi possibili per curarle.Dopo la visita, in base alle annotazioni di ciascuno, tutti insieme si stilerà una piccola "Convenzione sui diritti delle piante" che dovrà essere osservata a casa, quando il bambino si prenderà cura della propria piantina. L'attività, infatti, si concluderà con una semina.


SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
Direttori per un giorno, i ragazzi, accompagnati dall'operatore in un percorso che farà loro notare il ruolo e l’importanza che le piante e l’ecosistema svolgono nella vita degli esseri umani e non solo (cibo, medicine, profumi, drenaggio dei terreni, ecc.), si concentreranno a rilevare  lo stato in cui versano le piante e lo schema di organizzazione dell’orto. In base alle annotazioni che avranno raccolto nel corso della visita, i ragazzi saranno quindi chiamati ad individuare quei "diritti delle piante" che, a parer loro, la cura dell'orto deve garantire. Individuati quelli delle piante, e a partire proprio da quelli, i ragazzi elaboreranno diritti equivalenti, validi per l’infanzia. Nell'ottica reciproca secondo cui il prendersi cura genera cura, i ragazzi scriveranno su cartellini i diritti delle piante precedentemente individuati che andranno a posizionare virtualmente accanto a quelle piante che, a loro modo di vedere, non hanno visto garantito a pieno un loro diritto alla cura.


Per la sua straordinaria valenza sociale e la dimensione universale degli argomenti proposti, il progetto ha ottenuto il patrocinio dell’Assessorato all’Istruzione del Comune di Siena, ha superato il vaglio del Comitato dei Sostenitori di Siena a Città Europea della Cultura 2019 entrando a far parte del Dossier di Candidatura. 

Lingua

Italiano

Obiettivi Didattici

Obiettivo del laboratorio “Curami che ti curo” è di rendere i bambini soggetti attivi e consapevoli di una pratica di cura rivolta ad un essere vivente. L’esperienza  del “prendersi cura” servirà da tramite per elaborare il concetto secondo cui ogni essere vivente è, al tempo stesso, soggetto ed oggetto del diritto-dovere alla cura. La visita all’orto botanico, attraverso il rovesciamento del diritto in dovere, quindi, offre uno spunto occasionale perché i bambini prendano consapevolezza dell’importanza del “prendersi cura”, qualunque sia l’essere verso cui tale diritto venga rivolto. 

Info e Prenotazioni

Prenotazione obbligatoria
041 5240119  
dal lunedì al venerdì 9.00 -16.00  
progettodiritti@coopculture.it

Diritto alla cura: "Curami che ti curo"

Coopculture

Costi


Siena

120.00€ a gruppo, fino a 25 partecipanti

chiudi

Diritto alla cura: "Curami che ti curo"

Coopculture

Come prenotare

Prenotazione obbligatoria

Al momento della prenotazione è necessario fornire: 
- i dati completi della scuola (nome, indirizzo, numero di telefono, fax, e-mail)
- il numero dei partecipanti previsti (studenti e accompagnatori)
- l’età degli studenti, la classe frequentata, l’eventuale presenza di studenti diversamente abili
- il giorno e l’orario in cui si vuole effettuare l’attività, prevedendo delle possibili alternative


Modalità di pagamento 
Il pagamento dovrà essere effettuato entro 20 giorni dalla data dell'attività e solo tramite bonifico bancario sul conto intestato Società Cooperativa Culture sede legale in Mestre (VE) Corso del Popolo n° 40 – Unicredit Group IBAN IT34R 02008 02003 0000 2102 8688.   

chiudi