Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • press room
    comunicato stampa
  • press room
    comunicato stampa

Roma, 07/10/2012

AUTUNNO SULL’APPIA ANTICA APPIAPPIEDI

DA DOMENICA 16 SETTEMBRE

Da domenica 16 settembre la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma riapre le porte dell’Appia antica: trekking, archeologia, storia, natura, tutela e valorizzazione con la possibilità di un brunch in una delle zone più affascinanti del nostro paese.
Ore 10.30 appuntamento a Villa dei Quintili, Via Appia nuova 1062, ogni domenica d’ autunno fino al 21 ottobre. Importanti le indicazioni su come raggiungere il sito.

Da domenica 16 settembre torna APPIAPPIEDI lo straordinario percorso lungo la via più antica e tra le più preziose della storia. Da questa edizione anche la possibilità di una colazione con prodotti tipici nell’incantevole scenario di Villa Capo di Bove.

Un nuovo programma sull’Appia Antica, crocevia di popoli e di genti dal 312 Ac, anno in cui fu realizzata per unire Roma alla Campania e poi a Brindisi, via della Grecia e dell’Oriente.
L’Appia, la strada per eccellenza, quella dalla storia millenaria. Dopo il periodo di decadenza seguito alla caduta dell’Impero Romano, infatti, la Via Appia diventa nel sec. XI Patrimonio di San Pietro e da qui di varie famiglie baronali e comitali romane. I conti di Tuscolo ad esempio trasformarono il sepolcro di Cecilia Metella in fortezza e, nel 1300, Bonifacio VIII Caetani dona questo castello alla sua famiglia che impose il pagamento di un pedaggio per merci e viaggiatori; oggi il piccolo borghetto emerge tra le rovine romane e la colata lavica di Capo di Bove all’interno dell’area musealizzata del Mausoleo di Cecilia Metella ed impone una riflessione importante sulla tutela e sulla valorizzazione della Via Appia Antica, museo en plen air unico al mondo.


Per leggere l'intero comunicato, scarica il PDF allegato.

Download

PDFFormato PDF