Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Sabbioneta
    Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale
  • Sabbioneta
    Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale
  • Sabbioneta
    Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale

Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale

Mantova - Sabbioneta
Musei
Affluenza record nei monumenti di Sabbioneta:
circa ventimila visitatori nei primi quattro mesi del 2017

 

PALAZZO GIARDINO E GALLERIA DEGLI ANTICHI
Palazzo Giardino è stato il luogo dell’otium e delle delizie di Vespasiano Gonzaga Colonna. Residenza prediletta del nobile sabbionetano per accogliere gli ospiti illustri e intrattenersi con loro tra le collezioni d’arte e colte dissertazioni letterarie, fu realizzato e decorato tra gli anni ’70 e ’80 del XVI secolo. L’apparato decorativo voluto dal Duca e realizzato da Bernardino Campi, raccoglie un ciclo d’affreschi dedicati alle virtù politiche e militari del Principe, alternati al tema dell’amore e delle bellezza femminile.
La Galleria degli Antichi o "Corridor Grande" si raggiunge attraverso un passaggio da Palazzo Giardino ed è una lunga galleria edificata sul lato del Palazzo e oggi ci racconta le mire artistiche del signore che scelse il lungo corridoio per le sue collezioni: principalmente marmi romani e ritratti di importanti uomini antichi.

TEATRO ALL’ANTICA
Per il progetto del Teatro Vespasiano volle avvalersi di Vincenzo Scamozzi reduce dal completamento, qualche anno prima a Vicenza, del celebre Teatro Olimpico del maestro Andrea Palladio. Primo esempio di teatro indipendente sotto il profilo architettonico, fa parte anch’esso del progetto della città e si trova esattamente a metà strada tra la vita privata e la vita pubblica di Vespasiano Gonzaga. Costruito tra il 1588 e il 1590,  conserva l’essenza della cultura che più affascinava il signore della città: riferimenti classici, l’amore per la Città eterna, ma riferito al momento storico, culturale ed emotivo che il Duca stava vivendo i quei ultimi squarci di vita.    
Dopo i primi restauri, della fine della seconda guerra mondiale, a partire dal 1969 fu inaugurato con lo spettacolo di C. Monteverdi “il Ballo delle ingrate”; da allora concerti, eventi culturali, presentazioni di libri, inaugurazioni di mostre, convegni permettono a questo luogo magico di rivivere lo splendore delle eco mai sopite di un passato glorioso.

PALAZZO DUCALE
Affacciato sulla piazza omonima l’edificio fu per tutta la vita di Vespasiano luogo di potere, sede di rappresentanza, centro della vita pubblica ed amministrativa della città e poi del piccolo Stato di Sabbioneta. La mancanza di arredi e opere d’arte, dovuta alle spogliazioni varie nel corso dei secoli, non ci permette di immaginare come si presentasse questo edificio, se non attraverso una fervida immaginazione e grazie ai documenti giunti fino a noi. Attualmente si conservano i soffitti affrescati e lignei magistralmente intagliati da artigiani locali con il supporto di maestri spagnoli. L’apparato  iconografico è opera di Bernardino Campi, il quale affidò la parte decorativa a maestri locali e dei territori limitrofi. Al piano nobile, nella Sala delle Aquile, si viene accolti da quattro statue equestri che raffigurano, tra gli altri, il Duca Vespasiano Gonzaga Colonna, al centro, riconoscibile anche dal Collare del Toson d’Oro del quale venne insignito l’anno precedente alle statue (1585), dal Re di Spagna Filippo II e dai suoi antenati o meglio ciò che rimane oggi della famosa Cavalcata raffigurante dieci personaggi tutti fieri a cavallo. Infatti un incendio, all’inizio del XIX secolo, danneggiò irrimediabilmente la Cavalcata: una di esse bruciò interamente mentre di alcune si conserva solo il busto del cavaliere. Le quattro oggi esposte sono le uniche rimaste.

prendi nota!

Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

Come Arrivare

Palazzo Giardino/Galleria degli antichi – Piazza d’Armi, 1

 

Teatro all’Antica – via Teatro, 1

 

Palazzo Ducale – Piazza Ducale, 1

 

 

Servizi e Accessibilità

visite didattiche singoli
visite didattiche gruppi
visite didattiche scuole
I Musei di Sabbioneta rientrano nella Mantova Card + Sabbioneta

Info e Prenotazioni

377 1805396 | 0375 221044

dal martedì al venerdì 9.30 - 13.00 e 14.30 - 17.00
sabato, domenica e festivi 9.30 - 13.00 e 14.30 - 18.00

 

sabbioneta@coopculture.it

 

Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale

Sabbioneta

Coopculture

Biglietteria

I biglietti sono in vendita esclusivamente presso l'Ufficio del Turismo, Palazzo Giardino

Il biglietto cumulativo comprende anche l'ingresso alla Sinagoga.

 

 

Tariffe

Intero:

Biglietto integrato (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) € 12.00
Biglietto integrato (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) con visita didattica € 17,00

Biglietto integrato (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) con audioguida € 16,00

 

Integrated ticket (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) € 12.00

Integrated ticket (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) including didactic tour € 17,00

Integrated ticket (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) including audioguide € 16,00

 

Ridotto:

Biglietto ridotto integrato (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) € 8.50
Biglietto ridotto integrato (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) con visita didattica € 13,50 

Biglietto ridotto integrato (Palazzo Giardino /Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) con audioguida € 12,50
Biglietto ridotto studenti con visita didattica € 10,00

Biglietto ridotto studenti con audioguida € 9,00

 

Concessions for students/youth people € 5,00

Reduced integrated ticket (Palazzo Giardino/Galleria,Teatro all’Antica, Palazzo Ducale + Sinagoga) € 8.50

Reduced ticket including didactic tour € 13,50

Reduced ticket including audioguide € 12,50
Concessions for students including didactic tour € 10,00

Concessions for students including audioguide € 9,00

 

Gratuito: Ragazzi fino a 12 anni di età in visita individuale/ disabili e loro accompagnatori/membri ICOM, ICOMOS/ docenti accompagnatori in visita scolastica, studenti delle scuole di Sabbioneta e del sito UNESCO, Mantova e Sabbioneta / cittadini di Sabbioneta

Prevendita biglietti e turni d'ingresso

Gruppi
  • Visita didattica in italiano € 80,00

    Visita didattica in lingua straniera € 120,00    

Scuole
  • Visita didattica € 4,00 a studente
    Laboratorio € 5,00 a studente
    Visita didattica e laboratorio € 7,00 a studente
     

     

chiudi

Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale

Sabbioneta

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Singoli
    • A partenza fissa

    sabato e domenica ore 11.00 e 14.30
    Altri giorni su prenotazione

    La visita ripercorre la costruzione della Città Ideale di Sabbioneta, attraverso gli intenti culturali e architettonici di Vespasiano Gonzaga Colonna.
    Il percorso inizia  da Palazzo Giardino: salendo al piano nobile si scoprono le sale dedicate agli antichi miti e alla letteratura greca e romana. Dalle salette che raccontano i miti di Filemone e Bauci, Dedalo e Icaro, Aracne, Marsia e Apollo, Fetonte, fino ad arrivare a Chirone, per poi percorrere il corridoio di Orfeo e ammirare la Sala degli Specchi e finalmente la lunga Galleria degli Antichi.
    Raccontando di miti, leggende e battaglie, celebrando la bellezza e l’amore attraverso la Storia e le Imprese gonzaghesche, dopo questa suggestiva promenade, si arriva al Teatro all’Antica: primo esempio di Teatro moderno che ancora oggi racconta la grandezza del Duca Vespasiano e l’immortalità della città eterna. Il Teatro, opera di Vincenzo Scamozzi, scenografo e architetto veneto, celebra l’arte attraverso il suo denso apparato iconografico, il loggiato scultoreo che ricorda il teatro vicentino del Palladio e le innovazioni architettoniche che lo rendono unico nel suo genere.
    La visita prosegue fino a Palazzo Ducale, l’edificio storicamente più importante e più rappresentativo della vita di corte. 
    Il Palazzo emerge con la sua mole sulla piazza principale della città e ospita al suo interno alcune decorazioni a grottesche, di antica ispirazione e rimandi classici. In particolar modo i soffitti lignei, decorati in foglia d’oro o intagliati e dipinti con gli stemmi della casata, celebrano la nobiltà e le conquiste del Principe Gonzaghesco.
    Al piano nobile la Sala delle Aquile custodisce la Cavalcata: quattro statue equestri  lignee raffiguranti quattro uomini d’arme della famiglia Gonzaga, tra i quali lo stesso Vespasiano in armatura da parata e Toson d’Oro. In origine le statue erano dieci ma un incendio nel 1815 ne distrusse sei; una andò completamente perduta mentre di altre cinque sono stati recuperati i busti allestiti nella medesima sala.
    Passeggiando nelle vie principali, che collegano i Palazzi e il Teatro, si scorge l’apparato urbanistico della città: il labirinto di strade che disorienta e meraviglia il visitatore, Porta Vittoria e Porta Imperiale che celebrano la grandezza militare del signore, la Sinagoga, le chiese principali di Sabbioneta volute da Vespasiano.

Gruppi
  • La visita ripercorre la costruzione della Città Ideale di Sabbioneta, attraverso gli intenti culturali e architettonici di Vespasiano Gonzaga Colonna.
    Il percorso inizia  da Palazzo Giardino: salendo al piano nobile si scoprono le sale dedicate agli antichi miti e alla letteratura greca e romana. Dalle salette che raccontano i miti di Filemone e Bauci, Dedalo e Icaro, Aracne, Marsia e Apollo, Fetonte, fino ad arrivare a Chirone, per poi percorrere il corridoio di Orfeo e ammirare la Sala degli Specchi e finalmente la lunga Galleria degli Antichi.
    Raccontando di miti, leggende e battaglie, celebrando la bellezza e l’amore attraverso la Storia e le Imprese gonzaghesche, dopo questa suggestiva promenade, si arriva al Teatro all’Antica: primo esempio di Teatro moderno che ancora oggi racconta la grandezza del Duca Vespasiano e l’immortalità della città eterna. Il Teatro, opera di Vincenzo Scamozzi, scenografo e architetto veneto, celebra l’arte attraverso il suo denso apparato iconografico, il loggiato scultoreo che ricorda il teatro vicentino del Palladio e le innovazioni architettoniche che lo rendono unico nel suo genere.
    La visita prosegue fino a Palazzo Ducale, l’edificio storicamente più importante e più rappresentativo della vita di corte. 
    Il Palazzo emerge con la sua mole sulla piazza principale della città e ospita al suo interno alcune decorazioni a grottesche, di antica ispirazione e rimandi classici. In particolar modo i soffitti lignei, decorati in foglia d’oro o intagliati e dipinti con gli stemmi della casata, celebrano la nobiltà e le conquiste del Principe Gonzaghesco.
    Al piano nobile la Sala delle Aquile custodisce la Cavalcata: quattro statue equestri  lignee raffiguranti quattro uomini d’arme della famiglia Gonzaga, tra i quali lo stesso Vespasiano in armatura da parata e Toson d’Oro. In origine le statue erano dieci ma un incendio nel 1815 ne distrusse sei; una andò completamente perduta mentre di altre cinque sono stati recuperati i busti allestiti nella medesima sala.
    Passeggiando nelle vie principali, che collegano i Palazzi e il Teatro, si scorge l’apparato urbanistico della città: il labirinto di strade che disorienta e meraviglia il visitatore, Porta Vittoria e Porta Imperiale che celebrano la grandezza militare del signore, la Sinagoga, le chiese principali di Sabbioneta volute da Vespasiano.

Scuole
  • La visita ripercorre la costruzione della Città Ideale di Sabbioneta, attraverso gli intenti culturali e architettonici di Vespasiano Gonzaga Colonna.
    Il percorso inizia  da Palazzo Giardino: salendo al piano nobile si scoprono le sale dedicate agli antichi miti e alla letteratura greca e romana. Dalle salette che raccontano i miti di Filemone e Bauci, Dedalo e Icaro, Aracne, Marsia e Apollo, Fetonte, fino ad arrivare a Chirone, per poi percorrere il corridoio di Orfeo e ammirare la Sala degli Specchi e finalmente la lunga Galleria degli Antichi.
    Raccontando di miti, leggende e battaglie, celebrando la bellezza e l’amore attraverso la Storia e le Imprese gonzaghesche, dopo questa suggestiva promenade, si arriva al Teatro all’Antica: primo esempio di Teatro moderno che ancora oggi racconta la grandezza del Duca Vespasiano e l’immortalità della città eterna. Il Teatro, opera di Vincenzo Scamozzi, scenografo e architetto veneto, celebra l’arte attraverso il suo denso apparato iconografico, il loggiato scultoreo che ricorda il teatro vicentino del Palladio e le innovazioni architettoniche che lo rendono unico nel suo genere.
    La visita prosegue fino a Palazzo Ducale, l’edificio storicamente più importante e più rappresentativo della vita di corte. 
    Il Palazzo emerge con la sua mole sulla piazza principale della città e ospita al suo interno alcune decorazioni a grottesche, di antica ispirazione e rimandi classici. In particolar modo i soffitti lignei, decorati in foglia d’oro o intagliati e dipinti con gli stemmi della casata, celebrano la nobiltà e le conquiste del Principe Gonzaghesco.
    Al piano nobile la Sala delle Aquile custodisce la Cavalcata: quattro statue equestri  lignee raffiguranti quattro uomini d’arme della famiglia Gonzaga, tra i quali lo stesso Vespasiano in armatura da parata e Toson d’Oro. In origine le statue erano dieci ma un incendio nel 1815 ne distrusse sei; una andò completamente perduta mentre di altre cinque sono stati recuperati i busti allestiti nella medesima sala.
    Passeggiando nelle vie principali, che collegano i Palazzi e il Teatro, si scorge l’apparato urbanistico della città: il labirinto di strade che disorienta e meraviglia il visitatore, Porta Vittoria e Porta Imperiale che celebrano la grandezza militare del signore, la Sinagoga, le chiese principali di Sabbioneta volute da Vespasiano.

chiudi

Galleria degli Antichi, Palazzo Giardino, Teatro all'Antica, Palazzo Ducale

Sabbioneta

Coopculture

Orario

Aperto

da Novembre a Febbraio                 

feriali
9:30 - 13:00 | 14:30 - 17:00

sabato, domenica e festivi
9:30 - 13:00 | 14:30 - 18:00


da Marzo a Ottobre                          
feriali  
9:30 - 13:00 | 14:30 - 18:00

sabato, domenica e festivi    
9:30 - 13:00 | 14:30 - 19:00

 

Chiuso

lunedì non festivi; 25 dicembre

 

chiudi