Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Prato
    Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
  • Prato
    Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
  • Prato
    Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
  • Prato
    Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci. mostra temporanea "La fine del mondo"

Prato
Musei
scarica il programma dell'Educational Day 
lunedì 24 ottobre ore 17

 

Il nuovo Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato riapre il 16 ottobre 2016, dopo il completamento dell’avveniristico ampliamento a forma di navicella spaziale dell’architetto di stanza a Rotterdam Maurice Nio e la riqualificazione dell’edificio originario di Italo Gamberini.
In occasione della sua riapertura, il Centro Pecci presenta la mostra La fine del mondo, a cura del direttore Fabio Cavallucci con la collaborazione, oltre che del team interno, di un nutrito gruppo di advisor internazionali composto da Elena Agudio, Antonia Alampi, Luca Barni, Myriam Ben Salah, Marco Brizzi, Lorenzo Bruni, Jota Castro, Wlodek Goldkorn, Katia Krupennikova, Morad Montazami, Bonaventure Soh Bejeng Ndikung, Giulia Poli, Luisa Santacesaria, Monika Szewczyk e Pier Luigi Tazzi.

Attraverso le opere di oltre 50 artiste e artisti internazionali e con un allestimento che si estende sull’intera superficie espositiva del museo di oltre 3000 metri quadrati, la mostra si configura come una specie di esercizio della distanza, che spinge a vedere il nostro presente da lontano.

Durante il percorso il pubblico sperimenterà la sensazione di vedersi proiettato a qualche migliaio di anni luce di distanza, per rivedere il mondo di oggi come se fosse un reperto fossile, lontano ere geologiche dal tempo presente, con la sensazione di essere sospesi in un limbo tra un passato ormai lontanissimo e un futuro ancora distante.
La fine del mondo si colloca all’interno di questo limbo e attraverso lavori di natura diversa, spesso da attraversare, da esperire fisicamente, in una scansione di spazi e di suoni che si succedono, trascina in un movimento continuo, ineluttabile, una specie di loop, di eterno ritorno che ritmicamente ci allontana e ci riavvicina al presente, proponendoci nuove chiavi di lettura.
Lungo il percorso espositivo tutte le espressioni e i linguaggi artistici saranno interconnessi: la musica, il teatro, il cinema, l’architettura e la danza non rappresenteranno solo eventi collaterali, ma si snoderanno come momenti integranti della mostra, contribuendo a costruire una narrazione immersiva e coinvolgente. 

La mostra La fine del mondo sarà accompagnata da un catalogo pubblicato in due lingue, italiano e inglese, e da una fitta serie di conferenze e di dibattiti che svilupperanno i vari temi della mostra, anche di carattere scientifico, filosofico, letterario: dalle teorie recentissime della fisica alla preistoria, dalla fantascienza all’ecologia e alla sostenibilità.

prendi nota!

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

Come Arrivare

In treno: linea Bologna – Firenze e linea Firenze - Lucca - Viareggio: stazione di Prato Centrale. Dalla stazione è possibile prende un autobus (linea LAM BLU), che ferma in viale della repubblica a circa 200 m dal Museo.
In auto: autostrada A11 Firenze - Pisa, uscita Prato est. 
Sono disponibili parcheggi a pagamento lungo tutto viale della repubblica, oppure è possibile parcheggiare nel parcheggio gratuito dei negozi Unieuro-Il Globo, poco distante dal Museo.
In autobus di linea: le autolinee CAP e Lazzi forniscono un servizio di collegamento tra Firenze e Prato con partenza ogni 15 minuti dalla stazione di Santa Maria Novella.

Servizi e Accessibilità

visite didattiche singoli
visite didattiche gruppi
visite didattiche scuole
radio guida
scuole/gruppi
bookshop
guardaroba
ristorante
sito accessibile

Info e Prenotazioni

tour@coopculture.it (per gruppi)

edu@coopculture.it (per scuole)

+39 0574 1934996

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
mostra temporanea "La fine del mondo"

Prato

Coopculture

Biglietteria

Tariffe

Intero: € 10,00

Ridotto:

7,00

 

Sotto i 26 anni, sopra i 65 anni, gruppi organizzati (min. 10 persone) con prenotazione, studenti, soci UniCoop Firenze, FAI e Chianti Mutua, dietro presentazione biglietto autobus, treno o altre forme di mobilità sostenibile

Altre Riduzioni
  • € 5,00

    Insegnanti universitari di materie artistiche, architettoniche e delle Accademie di Belle Arti

    € 20,00 Multiplo (nominativo) 
    Consente più ingressi al museo nell'arco della medesima mostra

Gratuito:

chiudi

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
mostra temporanea "La fine del mondo"

Prato

Coopculture

Prepara la tua visita

Visite Didattiche

Singoli
  • Intero €5,00

    Ridotto 4,00

    Mercoledì ore 18,30, venerdì ore 21.00, sabato domenica e festivi ore 11.30, 16.30, 19.30

     

     

Gruppi
  • € 100,00 Visite guidate museo/mostra per gruppi inclusi costi di prenotazione (durata 60 minuti | max 25 pax))
Scuole
  • € 50,00  Visite guidate museo/mostra per le scuole inclusi costi di prenotazione

    € 70,00  Laboratori per le scuole (Prato e esterne) o gruppi adulti, inclusi i costi di prenotazione

    €75,00 Laboratorio scuole in classe, per scuole delle province di Prato, Pistoia, Firenze e Lucca

    €100,00 Laboratorio scuole in classe, per scuole fuori dalle province di Prato, Pistoia, Firenze e Lucca

chiudi

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci
mostra temporanea "La fine del mondo"

Prato

Coopculture

Orario

Aperto

11.00 - 23.00

dal martedì alla domenica 

Aperto per tutte le festività, tranne il 26 dicembre

Chiuso

La biglietteria chiude mezz’ora prima

Chiusura lunedì


 

 

chiudi