Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • EBREI, UNA STORIA ITALIANA. I PRIMI MILLE ANNI
    EBREI, UNA STORIA ITALIANA. I PRIMI MILLE ANNI
    AL MEIS_MUSEO NAZIONALE DELL'EBRAISMO E DELLA SHOA
    news MEIS - ebrei, una storia italiana. I primi mille anni
  • EBREI, UNA STORIA ITALIANA. I PRIMI MILLE ANNI
    EBREI, UNA STORIA ITALIANA. I PRIMI MILLE ANNI
    AL MEIS_MUSEO NAZIONALE DELL'EBRAISMO E DELLA SHOA
    news MEIS - ebrei, una storia italiana. I primi mille anni
  • MEIS - ebrei, una storia italiana. I primi mille anni
    EBREI, UNA STORIA ITALIANA. I PRIMI MILLE ANNI
    AL MEIS_MUSEO NAZIONALE DELL'EBRAISMO E DELLA SHOA
    news MEIS - ebrei, una storia italiana. I primi mille anni

EBREI, UNA STORIA ITALIANA. I PRIMI MILLE ANNI. AL MEIS_MUSEO NAZIONALE DELL'EBRAISMO E DELLA SHOA

 

L’ebraismo si apre ai non Ebrei. Succede a Ferrara, con un museo nazionale dedicato alla storia e alla vita ebraica, a partire dall’esperienza tutta singolare degli Ebrei italiani, da ventidue secoli parte integrante del tessuto del Paese.

Il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah - MEIS inaugura con un percorso espositivo dal titolo “Ebrei, una storia italiana. I primi mille anni” e lo fa a Ferrara, non a caso. Bisognava, infatti, partire dalle premesse di questa storia e cominciare a svelare al pubblico le origini dell’ebraismo italiano, vicenda sorprendente e ai più sconosciuta.
Il Museo offre così al visitatore un viaggio nei primi mille anni dell’Italia ebraica attraverso un racconto significativo, curato da Anna Foa, Giancarlo Lacerenza e Daniele Jalla, con l’allestimento dello studio GTRF di Brescia. A scandirlo sono oltre duecento oggetti preziosi, fra i quali venti manoscritti, sette incunaboli e cinquecentine, diciotto documenti medievali, quarantanove epigrafi di età romana e medievale, e centoventuno tra anelli, sigilli, monete, lucerne e amuleti, poco noti o mai esposti prima, provenienti dai musei di tutto il mondo (dalla Genizah del Cairo al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dai Musei Vaticani alla Bodleian Library di Oxford, dal Jewish Theological Seminary di New York alla Cambridge University Library).

SCOPRI DI PIU'

link: