Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Da Caravaggio a Bernini
    Da Caravaggio a Bernini
    Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna
    Roma - Mostre, dal 14/04/17 al 30/07/17
  • Scuderie del Quirinale
    Da Caravaggio a Bernini
    Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna
    Scuderie del Quirinale, dal 14/04/17 al 30/07/17

Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna

Roma
Mostre

 

Attraverso una straordinaria selezione di dipinti e sculture, la mostra Da Caravaggio a Bernini. Capolavori del Seicento italiano nelle Collezioni Reali di Spagna riflette gli strettissimi legami politici e le strategie culturali stabilite tra la corte spagnola e gli stati italiani nel corso del XVII secolo.
 
Ad arricchire le raccolte d’arte della dinastia asburgica contribuirono i frequenti doni diplomatici da parte dei governanti italiani, determinati a guadagnarsi il favore dei sovrani di Spagna che con i loro possedimenti – il Viceregno di Napoli e lo Stato di Milano – condizionarono dalla metà del Cinquecento l’evoluzione della complessa situazione politica italiana. È questo il caso di due tra i dipinti più spettacolari in mostra, Lot e le figlie di Guercino e La conversione di Saulo di Guido Reni, donati a Filippo IV dal principe Ludovisi allo scopo di garantire la protezione spagnola sul minuscolo Stato di Piombino.
 
Moltissime altre opere d’arte, tra le quali il magnifico Crocifisso del Bernini proveniente dal Monastero di San Lorenzo del Escorial, opera raramente accessibile al grande pubblico, vennero commissionate o acquistate da mandatari del re; altre ancora vennero ordinate o comprate, come nel caso della Salomè di Caravaggio, dai rappresentanti della monarchia spagnola in Italia (ambasciatori e viceré) inviati presso la corte pontificia o a Napoli, alla morte dei quali le opere andarono ad accrescere le collezioni reali.


L’interesse per la cultura italiana da parte dei sovrani spagnoli si riflette inoltre negli inviti a lavorare a corte rivolti a maestri quali il napoletano Luca Giordano, attivo in Spagna per un decennio. Ed è testimoniato infine dai viaggi in Italia di alcuni artisti spagnoli, come José de Ribera, che giunse a Roma nel 1606 e trascorse la maggior parte della sua vita a Napoli. Di questo artista la mostra espone cinque capolavori tra cui il celebre Giacobbe e il gregge di Labano.
 

Il primo soggiorno di Velázquez in Italia, tra il 1629 e il 1630, si rivelò fondamentale per la sua pittura, come dimostra l’eccezionale Tunica di Giuseppe, tra i maggiori raggiungimenti della sua intera opera, mentre il suo trionfo come ritrattista presso la corte pontificia avvenne in occasione del suo secondo viaggio italiano tra il 1649-1650.
 
Nel 1819, per volere del re Ferdinando VII, venne creato il Museo Real – in seguito Museo del Prado – in cui furono raccolte opere provenienti per la maggior parte dalle Collezioni Reali. Quelle che non vennero trasferite nel museo rimasero presso le residenze a disposizione dei monarchi, i cosiddetti Reales Sitios. Nel 1865 la regina Isabella II rinunciò alla proprietà personale dei beni ereditati dai propri antenati e ne cedette la gestione allo Stato, ponendo le basi di quello che oggi è Patrimonio Nacional. E’ da questo straordinario fondo collezionistico, a tutt’oggi sottoposto alla tutela di Patrimonio Nacional, che i capolavori oggi presentati a Roma sono stati selezionati sulla base del loro eccezionale valore artistico e storico.

prendi nota!

Da Caravaggio a Bernini

Clicca sulla matita per prenderne nota nella tua agenda!

link:

laboratori
bookshop
guardaroba
caffetteria
sito accessibile

Info e Prenotazioni

dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00
il sabato dalle 9.00 alle 14.00
 
Informazioni, prenotazioni, visite guidate per singoli e gruppi
06 39967500
Informazioni, prenotazioni, visite guidate per le scuole
848 082 408
 

Da Caravaggio a Bernini
Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna


Roma

Coopculture

Quando

da Venerdì 14 Aprile a Domenica 30 Luglio 2017

chiudi

Da Caravaggio a Bernini
Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna


Roma

Coopculture

Tariffe

Come Acquistare

Biglietto on-line
  • Ticket On LIne
Biglietto d'ingresso
  • - Intero € 12
  • - Ridotto € 9.50
Altre Riduzioni
  • giovani dai 18 ai 25 anni
    insegnanti in attività, esclusi professori universitari
    gruppi con prenotazione obbligatoria (minimo 7 persone - massimo 25 persone) 
    gruppi convenzionati
    forze dell'ordine e militari con tessera di riconoscimento

    Biglietto studenti università italiane € 4,00 (venerdì e sabato dalle ore 19.00 alla chiusura della biglietteria)

Altre Riduzioni Biglietto Evento
  • Gratuito 

    • ragazzi fino a 18 anni
    • gruppi scolastici fino all'ultimo anno delle superiori (prenotazione obbligatoria)
    • visitatore disabile e invalido 
    • guide turistiche con tesserino
    • possessori tessera ICOM e ICROM
    • personale Ales e MIBACT

     

Pacchetto
  • Audioguide ita/ing

    • € 4.50 singola
    • € 7,00 doppia
    • audioguida smartphone €2,50
Gruppi
  • VISITA DIDATTICA IN MOSTRA 

    Tariffe
    € 100,00 max 25 partecipanti - ita/ing/fra/spa/ted

    Modalità di partecipazione
    prenotazione obbligatoria

     

Scuole
  • TEATRO DI POSA
    a partire dal 18 aprile, dal lunedì al sabato 
    ore 10.00 scuola dell’infanzia e primaria (classe prima) | ore 11.30 per la scuola primaria I e II biennio
    presso laboratorio d’arte

    Perché Salomè è così triste? Cosa prova Saulo mentre sta cadendo da cavallo? E lo sguardo di Santa Caterina cosa ci racconta? Nel Barocco l'arte esalta le storie dei suoi protagonisti attraverso le espressioni del volto e del corpo e così anche noi mettiamo in risalto il volto e il linguaggio della sua mimica attraverso dei “quadri-membrana” molto speciali. Nell'aula del laboratorio ricreiamo personaggi con nuove espressioni di nasi, bocche, sopracciglia, inventando storie e imparando ad intrecciarle insieme a formare così un vero e proprio copione per il “teatro del mondo”. E prima di salutarci tutti gli attori in posa per lo scatto finale!

    Temi e obiettivi didattici
    Conoscere i temi sacri e profani del Barocco attraverso lo studio dei volti e la gestualità del corpo. Potenziare attraverso le immagini le capacità affabulatorie e immaginative con racconti  e storie.
    Creare con il proprio corpo una perfomance finale in forma statica e collettiva.

    Destinatari
    scuola dell’infanzia e primaria I e II biennio

    Durata dell’attività
    scuola dell’infanzia e primaria (classe prima) 1,5 h | scuola primaria (I e II biennio) 2 h

    Svolgimento
    visita animata in mostra e attività in laboratorio 

    Tariffe
    € 80,00 a gruppo classe – max 25 partecipanti.

    Biglietto d’ingresso
    gratuito


     

    VISITA DIDATTICA IN MOSTRA 
    Destinatari
    scuole secondarie 

    Tariffe
    € 80,00 max 25 partecipanti - ita/ing/fra/spa/ted

    Modalità di partecipazione
    prenotazione obbligatoria

Diritto di prenotazione
  • Singoli
    consigliata - € 2,00 

    Gruppi
    prenotazione obbligatoria a pagamento € 30,00 - max 25 pax

    Scuole
    prenotazione obbligatoria a pagamento € 20,00 - a gruppo classe
     
Visite Didattiche e altri servizi acquistabili
  • Visita didattica individuale in italiano
    sabato, domenica e festivi
    ore 10.30 - 12.00 - 16.30 18.00
    € 5.00 p.p.

     

    Teatro di posa
    domenica 23 e 30 aprile, 7, 14 , 21 e 28 maggio - ore 16.00 - 18.00
    laboratorio per ragazzi 7/11 anni


    Perché Salomè è così triste? Cosa prova Saulo mentre sta cadendo da cavallo? E lo sguardo di Santa Caterina cosa ci racconta? Nel Barocco l'arte esalta le storie dei suoi protagonisti attraverso le espressioni del volto e del corpo e così anche noi mettiamo in risalto il volto e il linguaggio della sua mimica attraverso dei “quadri-membrana” molto speciali. Nell'aula del laboratorio ricreiamo personaggi con nuove espressioni di nasi, bocche, sopracciglia, inventando storie e imparando ad intrecciarle insieme a formare così un vero e proprio copione per il “teatro del mondo”. E prima di salutarci tutti gli attori in posa per lo scatto finale!

    Durata dell’attività
    2 h

    Svolgimento
    visita animata in mostra seguita da un’attività in laboratorio 

    Tariffe 
    € 8,00 a bambino 
    offerta famiglia: max 2 adulti per ogni bambino
    attività + ingresso mostra € 6,00 a bambino (ridotto)
    ingresso adulti € 9,50 a persona (ridotto) 

    Prenotazione 
    consigliata euro 2,00 per ragazzo - tel. 06 39967500

chiudi