Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • TOUCH – TOCCARE ALCUNE STORIE DI CITTADINI FERRARESI EBREI DEPORTATI
    TOUCH – TOCCARE ALCUNE STORIE DI CITTADINI FERRARESI EBREI DEPORTATI
    Ferrara - Mostre, dal 25/01/17 al 28/02/17
  • MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah
    TOUCH – TOCCARE ALCUNE STORIE DI CITTADINI FERRARESI EBREI DEPORTATI
    MEIS - Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, dal 25/01/17 al 28/02/17

TOUCH – TOCCARE ALCUNE STORIE DI CITTADINI FERRARESI EBREI DEPORTATI

Ferrara
Mostre

 

Presso il Bookshop del MEIS, TOUCH presenta al pubblico 10 storie di cittadini ebrei ferraresi: Albertina Bassani Magrini, Renato Castelfranchi, Silvio Finzi, Silvio Magrini, Amelia Melli, Zaira Melli, Germana Ravenna, Marcello Ravenna, Lindo Saralvo, Maria Zamorani. Sono donne, uomini, adolescenti, anziani e bambini perseguitati ed uccisi in quanto ebrei durante la seconda guerra mondiale.

L’installazione, curata da Piero Cavagna e Giulio Malfer con la consulenza scientifica di Marcella Ravenna, si propone di far comprendere ai visitatori che la storia della Shoah è composta in realtà da tante storie individuali, sottratte inutilmente alla vita. Storie che abbiamo il dovere di ricostruire, diffondere e rispettare, nella trasmissione della loro memoria e di quel segmento di vita che appartiene ancora a tutti noi. 

TOUCH intende sollecitare l’assunzione di responsabilità davanti a una memoria personalizzata, attraverso un modo diverso di perpetuare il ricordo di cittadini ebrei, le cui vite sono state spezzate in modo orribile e ingiustificabile per colpa di altri esseri umani.

Il visitatore può scoprire le dieci storie grazie al calore della propria mano. Solo trasmettendo calore e toccando, i volti riemergono, nella foto come nella nostra coscienza.

Le immagini sono ricoperte di inchiostro termocromico nero, che reagisce al calore umano diventando trasparente giusto il tempo di scoprire un volto. Dopo qualche istante la superficie torna ad essere scura. Sta a noi, e al tocco umano, scaldarla e riscoprirla nuovamente.

link:

bookshop
sito accessibile

Avviso
Dal 1 settembre 2017 il Giardino delle domande, non sarà visitabile.


 

TOUCH – TOCCARE ALCUNE STORIE DI CITTADINI FERRARESI EBREI DEPORTATI


Ferrara

Coopculture

Biglietteria

Pacchetto
  • Ingresso gratuito alla mostra

chiudi