Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Concerti al Quirinale
    Concerti al Quirinale
    news
  • Concerti al Quirinale
    Concerti al Quirinale
    news

Concerti al Quirinale

 

I CONCERTI AL QUIRINALE
Produzione di Radio3 in collaborazione con Rai Quirinale e con la Presidenza della Repubblica.

A causa di urgenti restauri, la Cappella Paolina sarà inagibile per diversi mesi.
I concerti della domenica, pertanto, si terranno in altre Sale del Quirinale.

I concerti sono trasmessi alle ore 11,50 in diretta su Radio 3 e attraverso i collegamenti Euroradio in molti paesi d'Europa.

 

DOMENICA 24 SETTEMBRE 2017
 

Franz Schubert (1797-1828)
Trio in Si bemolle maggiore D 471 
Allegro

 

Franz Joseph Haydn (1732-1809)
Trio in Sol maggiore Op. 53 n. 1 
- Allegretto e innocente
- Presto

 

Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Trio in Mi bemolle maggiore Op. 3 
- Allegro con brio
- Andante
- Menuetto: Allegretto - Trio
- Adagio
- Menuetto: Moderato
- Finale: Allegro
 

Trio d’Archi dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai: Alessandro Milani violino, Luca Ranieri viola, Pierpaolo Toso violoncello.
Un Trio d’archi composto da prime parti dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai inaugura la nuova stagione dei Concerti di Radio3 al Quirinale con un programma di grande fascino che propone alcuni capolavori del passaggio fra età classica ed età romantica.

 

DOMENICA 1 OTTOBRE 2017

Associazione Figli d’Arte Cuticchio
presenta
A singolar tenzone!
Duelli tra musiche e parole sul paladino Orlando

canto: Mimmo Cuticchio
musiche: Giacomo Cuticchio
primo violino: Marco Badami
secondo violino: Filippo Di Maggio
viola: Massimo Cantone
violoncello: Paolo Pellegrino
sax soprano: Nicola Mogavero
fagotto: Filippo Barracato
tromba: Sergio Caltagirone
trombone: Fabio Piro
pianoforte: Giacomo Cuticchio

Un viaggio in un tempo senza tempo, dove il cunto antico di Mimmo Cuticchio e la musica contemporanea del figlio Giacomo si scambiano intenzioni, si cedono il passo vicendevolmente, si fondono in un gioco, a tratti semplice e armonioso a tratti spericolato e acrobatico, sulle gesta di Orlando, valoroso paladino, l’eroe per eccellenza, austero, coraggioso e devoto al suo dovere di capitan generale dell’esercito francese. 
Un racconto focalizzato sulla drammatica e spettacolare rotta di Roncisvalle, dove troveranno la morte Orlando e altri trecento impavidi paladini.
Per la prima volta i temi musicali della battaglia, del galoppo, del lamento, della marcia reale, che Giacomo Cuticchio ha composto appositamente per questo “viaggio”, si uniscono ai ritmi, ai toni e alla possente vocalità di Mimmo Cuticchio, capace di interpretare oltre quaranta personaggi diversi e trasformare il cunto in canto.
Un’opera per voce e musica, nella quale la narrazione tiene le fila del racconto e la musica ne sottolinea e ne esalta i ritmi e l’emozione. La suite per fiati, legni, ottoni ed archi è eseguita da un ensemble di nove musicisti. Strumento portante è il pianoforte, omologo del piano a cilindro negli spettacoli tradizionali, che Giacomo suonava da bambino agli inizi del suo apprendistato di oprante. 
Mimmo e Giacomo Cuticchio sono rispettivamente padre e figlio. Il primo, prendendo le mosse dal cuore profondo della tradizione dell’Opera dei pupi, l’ha rilancia in una prospettiva contemporanea e al contempo ha salvato dall’oblio il “cunto”, rimarcando sempre la propria discendenza dai maestri del passato. Il secondo muove i suoi primi passi di oprante-musicista sul terreno fertilissimo arato dal padre; successivamente, il suo incontro con l’opera di Philip Glass e l’amore per la musica antica, rinascimentale e barocca, lo hanno spinto verso una ricerca sonora originale, per molti versi analoga a quella del padre, oggi riconosciuto il massimo innovatore dell’Opra.

 


DOMENICA 8 OTTOBRE 2017

Johannes Brahms (1833 – 1897)   
Fantasie  op. 116   (1892)
- Capriccio - Presto energico
 - Intermezzo - Andante 
 - Capriccio - Allegro passionato
-  Intermezzo - Adagio 
- Intermezzo - Andante con grazia ed intimissimo   sentimento 
- Intermezzo - Andantino teneramente 
- Capriccio - Allegro agitato  
Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)

Sonata per pianoforte n. 32 in do minore  op. 111   (1821-22)
-  Maestoso. Allegro con brio ed appassionato 
- Arietta. Adagio molto semplice e cantabile 

Filippo Gorini, pianoforte
Ventiduenne, vincitore nel 2015 del Premio Beethoven a Bonn, allievo di Alfred Brendel, Filippo Gorini è tra i pianisti più in vista della giovanissima generazione. Il suo è un programma  dedicato a capolavori che guardano oltre il loro tempo, verso il futuro della musica: le sette Fantasie op. 116 di Brahms e la Sonata op. 111 di Beethoven.


DOMENICA 15 OTTOBRE 2017
Claude Debussy (1862 – 1918)
Petite Suite (1886-89)
- En Bateau
- Cortège
- Menuet
- Ballet

Maurice Ravel (1875 – 1937)
Ma mère l’oye (cinq pièces enfantines) (1908-10)
- Pavane de la belle au bois dormant
- Petit Poucet
- Laideronnette, impératrice des Pagodes
- Les Entretiens de la Belle et la Bête
- Le Jardin Féerique

Darius Milhaud (1892 – 1974)
Le boeuf sur le toit, op. 58 (1920)
 
Eliana Grasso, Irene Veneziano, pianoforte a quattro mani
Due giovani e bravissime pianiste alle prese con la musica surreale e fiabesca di Darius Milhaud e uno dei grandi capolavori di Ravel, la fiaba di Mamma oca (Ma mère l’oye), nella versione originale per pianoforte a quattro mani.

 

 

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE

I  concerti sono gratuiti. Occorre prenotarsi. 
La prenotazione è nominativa, non cedibile e si può effettuare con le seguenti modalità:

  • on line
  • tramite Call center, tel. 06 39.96.75.57, da lunedì a venerdì 9.00–13.00 / 14.00-17.00, sabato 9.00–14.00, domenica chiuso.
  • presso INFOPOINT, Centro informazioni e prenotazioni (Salita di Montecavallo, 15), il martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 9.00 alle 17.00.

 

Gli spettatori dovranno presentarsi 50 minuti prima dell’inizio del concerto muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità. Qualora i dati anagrafici dei nominativi, indicati al momento della prenotazione, non coincidano con i dati risultanti dai documenti, non sarà consentito l’accesso. I minori di 12 anni devono essere accompagnati da un adulto.  In caso di ritardo rispetto all’orario indicato non sarà possibile entrare.
Il concerto potrà essere annullato per ragioni istituzionali.
La procedura di prenotazione per l’accesso comporta un costo di € 1,50.
Il rimborso di quanto versato potrà essere richiesto solo in caso di annullamento del concerto.
Non sono consentite riprese audio-video.

link: