Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • mAPPot
    mAPPot
    focus su Interculturalità

mAPPot

 

E' con grande piacere che il Museo ebraico di Venezia presenta mAPPot, una app dedicata a chi voglia conoscere la Venezia Ebraica, risultato della ricerca condotta da CoopCulture e dal Laboratorio di Cartografia e GIS del sistema dei laboratori dell'Università IUAV di Venezia avente per oggetto l'individuazione di metodi e strumenti digitali finalizzati allo studio e all'analisi della storia della Città attraverso l'uso della cartografia storica.

La app è stata realizzata in occasione del cinquecentenario del ghetto con il sostegno della Comunità Ebraica di Venezia, del Comitato "I 500 anni del Ghetto di Venezia" e della Fondazione Musei Civici di Venezia che ha concesso l'utilizzo delle mappe storiche.

L’applicazione consente di visualizzare alcuni itinerari tematici all’interno della città di Venezia e di localizzare i luoghi che ne fanno parte. Si tratta di edifici pubblici e privati, monumenti, spazi di aggregazione, ecc. che, a partire dall’istituzione del Ghetto di Venezia, hanno caratterizzato la presenza ebraica nella città.

Grazie a mAPPot sarà possibile esplorare la città scoprendo la Venezia ebraica nei suoi molteplici aspetti dentro e fuori dal ghetto: i luoghi dei maggiori traffici mercantili, della musica, della salute e i luoghi delle diverse Comunità (Greci, Armeni, Schiavoni, Lucchesi ecc.) presenti nella Città.

La cartografia della città è rappresentata da tre mappe di grande valore storico e artistico: la veduta di Jacopo de’ Barbari del 1500, la pianta topografica di Ludovico Ughi e la planimetria dei fratelli Bernardo e Gaetano Combatti del 1846.

È possibile ricercare i luoghi attraverso una lista di selezione oppure cliccando direttamente sui punti che li rappresentano sulla mappa. Ogni luogo è descritto da una pagina di informazioni che comprende, oltre ad un breve testo, un’immagine e la mappa interattiva di Google dove è possibile visualizzare l’attuale collocazione. 

Se utilizzata in modalità ‘GPS on’, l’applicazione mostra, con un apposito simbolo grafico, la localizzazione dell’utente sulla mappa attualmente visualizzata.

Il nome mAPPot fa riferimento alle mappe storiche che costituiscono la base grafica dell’applicazione e prende spunto dal medesimo termine ebraico che indica i teli che proteggono il Sefer Tohra e che, anticamente, veniva utilizzato anche col significato di mappa.

la App è scaricabile per IOS e android