Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Festa dei Musei
    Festa dei Musei
    news Terme di Caracalla
  • Terme di Caracalla
    Festa dei Musei
    news Terme di Caracalla
  • Palazzo Altemps
    Festa dei Musei
    news Palazzo Altemps
  • Crypta Balbi
    Festa dei Musei
    news Crypta Balbi
  • Palazzo Massimo
    Festa dei Musei
    news Palazzo Massimo
  • Terme di Diocleziano
    Festa dei Musei
    news Terme di Diocleziano
  • Museo Archeologico Nazionale di Napoli
    Festa dei Musei
    news Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Palazzo Reale
    Festa dei Musei
    news Palazzo Reale
  • MADRE
    Festa dei Musei
    news MADRE
  • Tomba di Cecilia Metella
    Festa dei Musei
    news Tomba di Cecilia Metella

Festa dei Musei

 

Il primo fine settimana di luglio, in coincidenza con la XXIV Conferenza generale dell’ICOM (International Council of Museum) per la prima volta organizzata a Milano (3-9 luglio 2016), il MiBACT celebrerà questa straordinaria iniziativa - solitamente dedicata agli specialisti - dando vita all’edizione “0” della “Festa dei Musei”, un grande evento nazionale alla cui realizzazione concorreranno non solo i principali musei statali, ma anche tutte le realtà pubbliche e private che desidereranno aderire. Il tema che sarà al centro di questa inedita due giorni è quello del rapporto tra Musei e Paesaggi culturali, argomento individuato da ICOM per il congresso di Milano. Per tale occasione, nella giornata di sabato, oltre il consueto orario ordinario, sarà prevista un’apertura straordinaria serale al costo simbolico di 1 euro, mentre per la giornata di domenica l’ingresso sarà gratuito come ormai consuetudinariamente avviene in occasione della prima domenica del mese. 

Uno degli aspetti peculiari dell’iniziativa, oltre l’indirizzo tematico comune, consisterà nella programmazione di eventi per fasce orarie destinate a precisi target di pubblico: nella giornata di sabato, famiglie e bambini la mattina (9.00-14.00: Il Patrimonio per i bambini), curiosi e appassionati nel pomeriggio (14.00-19.00: Il racconto del Patrimonio, Largo all’esperto, Dietro il Patrimonio) e, infine, il grande pubblico la sera, con eventi aperti al concorso di tutte le arti (19.00-24.00: Lo spettacolo della cultura); a tutte le categorie possibili di pubblico sarà invece integralmente dedicata la giornata di domenica (Il Patrimonio per/di tutti), con eventi incentrati sul tema della partecipazione al Patrimonio e largo spazio riservato a tutte quelle associazioni di cittadini e volontari che concorrono quotidianamente alla “vita” e alle “attività” di musei e luoghi della cultura.

IN PIEMONTE

LA CASTIGLIA DI SALUZZO

visita a tema La Castiglia e il Paesaggio dell’Antico Marchesato 2 e 3 luglio, ore 11.00 e ore 16.30

una visita guidata che svelerà la storia secolare della Castiglia, da fortezza a dimora signorile a carcere, con un percorso che come sempre tocca parti abitualmente non aperte alla visita libera del pubblico come l'orientation, i camminamenti di ronda, i frammenti di affresco e gli esterni, ma che inoltre darà nuove prospettive, suggestioni e visioni di paesaggi, particolari del castello e del territorio circostante.

 

NEL LAZIO

PALAZZO MASSIMO

laboratorio Per fare un albero ci vuole...un dio! 

2 luglio ore 11 per bambini dai 6 ai 10 anni

Gli antichi attribuivano un valore molto speciale all'ambiente in cui vivevano, studiando minuziosamente le specie vegetali e tributando loro una vita divina. Scopriamo perchè la sacerdotessa di Apollo masticava l'alloro per parlare col dio, perchè Afrodite regalava corone di mirto agli sposi e come l'imperatrice Livia avesse scelto per giardino la sala più bella della sua grande casa. 
Al termine ogni bambino riprodurrà con materiali di riciclo il suo albero o la sua pianta preferita. 

PALAZZO MASSIMO 

visita a tema Antichi complessi residenziali

2 luglio ore 15 e 3 luglio ore 10 

Nel Museo è possibile vedere ed analizzare alcuni tra gli arredi più sfarzosi dei grandi complessi residenziali romani, non solo patrizi, come quelli di Castel di Guido, ma soprattutto imperiali come le statue da Villa Adriana, dalla villa neroniana a Subiaco, dal palazzo galleggiante di Caligola sul Lago di Nemi, fino agli affreschi perfettamente conservati della Villa di Livia a Prima Porta e dalla Villa della Farnesina. Durante la visita sarà posto particolare accento sulla scelta dei luoghi, di cui non venivano esaltate solo le caratteristiche estetiche ma funzionalmente sfruttate tutte le varie tipologie paesaggistiche.

PALAZZO ALTEMPS

laboratorio Sulla cima dell'Olimpo 

2 luglio ore 11 per bambini dai 6 ai 10 anni

La terra degli uomini era per gli dei antichi scenario fondamentale della loro vita e delle loro avventure: Vulcano forgiava il ferro tutto il giorno con il fuoco dell'Etna, Dioniso viaggiava in lungo e in largo spingendosi fino alla remota India, Apollo era cacciatore formidabile nei boschi della Tessaglia e poi tutti insieme si ritrovavano tra loro sulla cima sempre coperta di nuvole del monte Olimpo. Tutte queste storie ce le racconterà un librone pop up gigante che ci farà viaggiare in tutti questi luoghi mitici. Al termine ciascun bambino potrà realizzare un biglietto tridimensionale come ricordo dell'esperienza vissuta.

PALAZZO ALTEMPS

visita a tema Geografia antica tra mito e realtà  

2 luglio ore 17 e 3 luglio ore 12

Una visita dal tema particolare che è quello della geografia antica tra terre note e luoghi remoti, ai confini del mondo. A volte accadeva che più luoghi si contendessero la nascita degli dei, come Afrodite che qui viene ritratta in una delle sue pose più famose come quella del prototipo di Cnido; altre volte la provenienza era certa e certificata come quella di Iside dall'Egitto oppure di Artemide da Efeso. Altre volte ancora il luogo di provenienza non era noto ma  contava quello di elezione come Atene fu per Atena. Esisteva quindi tutta una geografica mitologica che non poteva prescindere da quella reale e che influenzava spesso la percezione del vivere quotidiano. La visita si propone di analizzare soprattutto questi aspetti che  vissero intrecciati tra umano e divino.

TERME DI DIOCLEZIANO 

visita botanica Una pazienza certosina!  

2 luglio ore 11 per bambini dai 6 ai 10 anni

Un percorso verde nel centro di Roma, all'interno di un Museo che ancora conserva spazi aperti, chiostri e giardini da cui i monaci certosini, con la loro proverbiale pazienza, traevano unguenti e medicinali. Padre Fercoldo, insieme ad un botanico, ci introdurranno ai segreti delle essenze e a tutte le loro proprietà curative...e un po' magiche... Si potrà realizzare un piccolo erbario da portare a casa e un ricettario per ricreare profumi e pomate.

TERME DI DIOCLEZIANO 

visita a tema Dalle Terme alla Certosa

2 luglio ore 17 e 3 luglio ore 12

Un quartiere della città che ha cambiato profondamente la sua fisionomia ma che allo stesso tempo ha mantenuto la forma degli edifici antichi come un'impronta. Il mastodontico complesso termale dioclezianeo si legge ancora nelle esedre di Piazza della Repubblica e nei monumenti che si trovano nelle sue vicinanze. Successivamente all'interno delle terme si insedia la Certosa, annessa alla Chiesa della Madonna degli Angeli e dei martiri, il cui progetto si suole ricondurre ad un ormai anziano  Michelangelo. Bisognerà attendere ancora qualche secolo per vedere poi la fisionomia attuale con i progetti di Koch per la grande esedra e la costruzione della Stazione Termini. Attraverso gli strumenti ricostruttivi presenti nel museo, sarà possibile analizzare tutti questi processi, concentrandoci sugli spazi antichi recentemente restaurati e restituiti al pubblico.

CRYPTA BALBI

 laboratorio Storie dalla terra 

2 luglio ore 11 per bambini dai 6 ai 10 anni

La terra ci può raccontare infinite storie: ogni cambiamento di colore, di spessore ci dice qualcosa di importante di come la città e i suoi abitanti abbiano vissuto, abitato, lavorato...persino gli oggetti, anche i più semplici e apparentemente insignificanti come quelli di un immondezzaio, sono una miniera preziosissima di informazioni di tutti i tipi. Questo Museo è stato uno dei primi esempi di scavo archeologico stratigrafico nel centro urbano ed è in questa prospettiva che viene proposto ai più piccoli un laboratorio di scavo dal vero di un pezzetto dell'area esterna, in tutti i suoi passaggi, dal diario di scavo, alla documentazione e al contatto vero e proprio con la terra. L'attività sarà accompagnata anche da una visita nelle sale e per l'illustrazione di tutti i cambiamenti che hanno interessato questo particolare quadrante della città.

CRYPTA BALBI 

visita a tema  Un quartiere in trasformazione 

2 e 3 luglio ore 15

Il Museo della Crypta Balbi sembra particolarmente aderente al tema del paesaggio, soprattutto del paesaggio urbano, inteso come incessante stratificazione di fasi. La visita tematica intende analizzare tutti questi passaggi, dal Teatro di Balbo di età augustea, alle trasformazioni medievali con la Chiesa di Santa Maria domine rose, a quelle rinascimentali con il Conservatorio di Santa Caterina e poi ancora attraverso il tempo fino ad arrivare ai nostri giorni con la realizzazione dell'attuale sede museale. Al termine della visita sarà proposta ai partecipanti una piccola sperimentazione pratica su materiali archeologici, scelti tra quelli che meglio testimoniano per produzione e uso le varie fasi analizzate.

TERME DI CARACALLA

 laboratorio Paesaggi d'acqua

2 luglio ore 10.30 per bambini dai 6 ai 10 anni

La particolare ubicazione del complesso termale rende possibile ancora oggi vedere un monumento archeologico inserito nel verde del suo paesaggio. L'osservazione quindi dell'elemento umano e costruito insieme alla natura in cui è immerso verrà stimolata con un acquerello en plein air in cui ciascuno potrà realizzare un'immagine schizzata, proprio come facevano i viaggiatori dell'Ottocento che arrivavano a Roma da ogni parte d'Europa per ammirarne le antiche vestigia. 

TERME DI CARACALLA

 visita a tema Antiche Rovine

2 e 3 luglio ore 15

Il concetto di rovina è qualcosa che nel tempo è profondamente mutata; la sua accezione spesso negativa si è progressivamente trasformata negli ultimi anni in valore “in positivo”, come passaggio non sempre offensivo del tempo per restituire all'uomo moderno un'immagine che spesso è uno stato d'animo interiore e meditato. Questa visita delle Terme di Caracalla non vuole solamente quindi illustrare la storia dell'edificio e del suo funzionamento, ma intende anche evidenziare tutti quegli elementi che fanno del paesaggio degli occhi un paesaggio dell'anima.

TOMBA DI CECILIA METELLA 

visita geologica Una lingua...di lava

2 luglio ore 10.30 per bambini dai 6 ai 10 anni

La storia dell'area del Mausoleo di Cecilia Metella inizia nella notte dei tempi, quando un vulcano eruttò lava fino a scagliarla così lontano da formare un sedimento a forma di lingua, detta poi di Capo di Bove, proprio in onore della raffigurazione del futuro monumento romano. Un geologo ci guida alla scoperta di questa storia antichissima, mostrandoci gli affioramenti, i materiali e la cava di basalto da cui i Romani trassero i famosi basoli per la costruzione della via Appia Antica. 

TOMBA DI CECILIA METELLA 

visita a tema Un paesaggio fragile

 2 luglio ore 15 e 3 luglio ore 12

Il paesaggio di questo tratto di Appia Antica è quanto di più prezioso ci sia stato lasciato dall'antichità. Mantiene infatti inalterati tutti quegli elementi archeologici e storici che ci consentono di rivivere intatta l'atmosfera di allora, con la strada, la “Regina delle strade”, e tutti i monumenti funebri che vi si affacciano. Pochi sanno tuttavia quanto fragile sia questo paesaggio, sottoposto agli attacchi che una città poco accorta continuamente gli infligge: da un'urbanizzazione selvaggia delle periferie agli abusi dell'edilizia residenziale che dagli anni '60 ininterrottamente minaccia questo luogo unico al mondo. La visita quindi vuole avere proprio un taglio di questo tipo, di sensibilizzazione e di educazione al paesaggio, per una tutela più attenta e consapevole.

 

IN CAMPANIA

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI

 Visita gioco per famiglie "ri-costruiamo" Neapolis 

2 Luglio, ore 11.00

Una visita guidata nella sezione del Museo Archeologico di Napoli, alla scoperta delle origini di Neapolis. A seguire gioco Puzzle per bambini: “ri-costruiamo” Neapolis.

 

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI

Visita alla mostra per adulti 

Mito e natura 2 Luglio, ore 15.00

Un affascinante viaggio attraverso le opere d’arte del mondo greco e romano per conoscere il paesaggio e la natura in esse rappresentate.

 

PALAZZO REALE DI NAPOL

Visita gioco per bambini dai 6 ai 10 anni 

Di Re e regine a Palazzo Reale 2 Luglio, ore 11.00

I piccoli visitatori accompagnati dagli adulti prenderanno parte ad un avvincente gioco di ruolo durante il quale saranno coinvolti in un simpatico episodio della vita di corte.

 

PALAZZO REALE DI NAPOLI Visita a tema per adulti 

Natura e paesaggio a corte 2 Luglio, ore 15.00

Una visita guidata speciale alla scoperta delle opere che nell’appartamento mostrano natura e paesaggi, rappresentazione di luoghi di cibi e nature morte. Un tema sempre presente nelle opere di ogni genere.

MUSEO MADRE Visita guidata 

#MadreFocus 2 Luglio 

Ore 16.00: Il Mediterraneo, una storia per immagini.
Mimmo Jodice è stato uno dei grandi artisti contemporanei che hanno focalizzato la propria ricerca sull'archeologia mediterranea e “raccontato questo patrimonio” per immagini. Ha fotografato, tra le altre opere, la scultura in marmo bianco del Compagno di Ulisse e il busto in bronzo di Artemide, opere presenti nella retrospettiva Attesa. 1960-2016 e provenienti da quell’ipotetico museo del mare nostrum che Jodice evoca nelle sue serie fotografiche di soggetto archeologico. In occasione della visita #MadreFocus. Il Mediterraneo, una storia per immagini, in programma per le ore 16.00, i visitatori, accompagnati dagli operatori didattici del museo, potranno andare alla scoperta delle radici culturali del Mediterraneo, matrice etica ed estetica della prima sezione della mostra.
Partecipazione gratuita. 
Prenotazione obbligatoria. 
Ingresso al museo a pagamento.

Ore 17.00: Behind the Moon, i segreti di una mostra.
La mostra di Camille Henrot al MADRE presenta materiali inediti, schizzi, disegni preparatori e bozzetti destinati a rimanere segreti, in cui l'artista esplora il significato culturale e simbolico connesso al “giorno della luna”, il lunedì, reinterpretando il lato oscuro della notte in un momento di prolifica inventiva che l'artista stessa sceglie di svelare e di condividere con il pubblico del museo. In occasione della visita #MadreFocus.Behind the Moon, i segreti di una mostra, in programma per le ore 17.00, gli operatori didattici del museo accompagneranno i visitatori tra le sale della mostra Luna di latte, per scoprire cosa c'è “Dietro il patrimonio” e, attraverso l'analisi delle opere in esposizione, cosa si cela dietro la concezione di un'opera d'arte e l'organizzazione di una mostra.
Partecipazione gratuita.  
Prenotazione obbligatoria. 
Ingresso al museo a pagamento.

Domenica 3 luglio, tutte le attività promosse dai musei aderenti nell'ambito della Festa dei Musei si articoleranno intorno al tema “Il patrimonio di/per tutti”. La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee declinerà il tema rilanciando la proposta del Biglietto Sospeso, che applica all'arte contemporanea l'antica tradizione napoletana del “caffè sospeso”, consentendo a chiunque di acquistare presso la biglietteria del museo un biglietto per un successivo visitatore sconosciuto. In occasione della Festa dei Musei, domenica 3 luglio, la Fondazione Donnaregina contribuirà per il 50% all’acquisto di ogni “biglietto sospeso”, che dunque costerà ai visitatori che vorranno aderire, compiendo in prima persona un gesto di gentilezza, di filantropia e di condivisione del patrimonio artistico, solo 3.50 euro. 

 

Partecipazione gratuita alle visite e ai laboratatori, fino ad esaurimento disponibilità.

Prenotazione il giorno stesso in biglietteria.