Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Palazzo Fortuny
    Fortuny e Wagner
    Il Wagnerismo nelle arti visive in Italia
    news Palazzo Fortuny

Fortuny e Wagner. Il Wagnerismo nelle arti visive in Italia

 

Dal 7 Dicembre al 19 Marzo 2013

La mostra è frutto di un lungo lavoro di ricerca intorno all’influenza, a livello iconografico ed estetico, di Richard Wagner e del wagnerismo sulle arti visive in Italia tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento: un tema mai fatto oggetto di studi mirati né di eventi espositivi.
In quest’ambito un ruolo di protagonista assoluto spetta a Mariano Fortuny, del quale sarà presentato per la prima volta l’intero Ciclo wagneriano, comprendente 47 dipinti di proprietà del museo e numerose incisioni.
Le opere di Fortuny, di cui alcune mai esposte e molte restaurate per l’occasione, saranno poste a confronto con quelle di altri autori italiani, per esempio Lionello Balestrieri, che si ispirarono ai personaggi e alle scene dei drammi musicali di Wagner, di cui ricorre nel 2013 il bicentenario dalla nascita.
La mostra sarà arricchita da un’ampia sezione documentaria e da focus sull’illustrazione, la caricatura e la cartellonistica. Sarà inoltre esposta per la prima volta un inedita gouache di Mario de Maria, bozzetto preparatorio di un famoso ritratto della figliastra di Wagner andato perduto.
A completamento del percorso espositivo, e per documentare l’influenza dell’immaginario wagneriano sugli artisti contemporanei, sarà presentata una interessante selezione di opere di importanti autori quali Antoni Tàpies, Bill Viola, Anselm Kiefer.