Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15
  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15
  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15
  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15
  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15
  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15
  • MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    MUSICA NEI LUOGHI SACRI
    Concerti d'Avvento
    Napoli - Musica, dal 27/11/15 al 19/12/15

MUSICA NEI LUOGHI SACRI. Concerti d'Avvento

Napoli
Musica

 

CoopCulture segnala dal 27 novembre al 19 dicembre quattro concerti di musica classica nelle chiese monumentali di Napoli abbinati a visita guidate.
Un'occasione per ascoltare e conoscere la musica colta, popolare e della tradizione in alcuni dei monumenti sacri tra i più affascinanti di Napoli. Ogni fine settimana orchestre e ensemble musicali si esibiranno nelle chiese con proposte ispirate alla figura della Vergine Maria e della Natività. 
Un incontro di arte, musica e tradizione per conoscere la storia attraverso luoghi e melodie.

 

PROGRAMMA

  • Venerdì 27 novembre 2015

visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00
Chiesa Santa Maria Incoronatella della Pietà dei Turchini
"Un viaggio alla scoperta della musica sacra inedita di Alessandro Scarlatti"
Fondazione Pietà de'Turchini - Centro di Musica Antica

 

  • Sabato 5 dicembre 

visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00
Chiesa di Santa Maria Apparente
“Voi ch’amate lo Criatore”
Dissonanzen

 

  • Venerdì 11 dicembre 

visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00
Chiesa dell’ Annunziata Maggiore
“Ave Gratia Plena”
Ensemble Vocale di Napoli

 

  • Sabato 19 dicembre 

visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00
Chiesa di Santa Maria Donnaregina Nuova 
“Intorno a Maria” 
Associazione Nuova Orchestra Scarlatti

 

Scopri maggiori dettagli nella sezione TARIFFE.

link:

Info e Prenotazioni

Musica nei luoghi sacri è un progetto realizzato grazie alla collaborazione tra la Regione Campania e l'Arcidiocesi di Napoli, attuato dalla Scabec S.p.A. e dalla Fondazione Fare Chiesa e Città.

Partecipazione gratuita ai concerti e alle visite guidate, fino ad esaurimento posti.

Prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti disponibili
800 600 601 | da cellulari 06 39967650

MUSICA NEI LUOGHI SACRI
Concerti d'Avvento

Coopculture

Dove


Napoli

Santa Maria dell’Incoronatella della Pietà dei Turchini, Via Medina 19
Chiesa di Santa Maria Apparente, Corso Vittorio Emanuele 605

Basilica della Santissima Annunziata Maggiore,Via Annunziata 34 

Santa Maria Donnaregina Nuova, Largo Donnaregina

chiudi

MUSICA NEI LUOGHI SACRI
Concerti d'Avvento


Napoli

Coopculture

Tariffe

Pacchetto
  • Partecipazione gratuita ai concerti e alle visite guidate, fino ad esaurimento posti. Prenotazione obbligatoria.

     

     

    PROGRAMMA

    • Venerdì 27 novembre

    visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00

    Chiesa Santa Maria Incoronatella della Pietà dei Turchini

     

    "Un viaggio alla scoperta della musica sacra inedita di Alessandro Scarlatti"
    Fondazione Pietà de'Turchini - Centro di Musica Antica

     

    Programma 
    O magnum mysterium a 8 voci   
    Dalla Missa Ottobona a 4 voci 
    Kyrie
    Sanctus
    Agnus Dei 
    Salve Regina a 4 voci, 2 violini e basso continuo 
    Magnificat a 5 voci con basso continuo 
    Odhecaton

    Musicisti
    Alena Dantcheva, soprano
    Alessandro Carmignani, Matteo Pigato, Andrea Arrivabene, controtenori
    Vincenzo Di Donato,  Gianluca Ferrarini, tenori
    Giovanni Dagnino, Enrico Bava, bassi
    Liuwe Tamminga, organo
    Vincenzo Bianco, Fulvio Milone, violini
    Paolo Da Col, direzione

     

    Descrizione
    Dopo oltre tre secoli di oblio viene riproposto un brano che il grande Alessandro Scarlatti aveva composto probabilmente a Napoli nel  1702 in vista del suo soggiorno romano, come omaggio alla grande tradizione palestriniana. La Missa Ottobona, infatti, è conosciuta anche come  Missa breve a Palestrina. Lo stesso compositore ne redasse una seconda splendida partitura (conservata alla Biblioteca Vaticana) nel 1706,  anno nel quale egli era a Roma e fece parte per un breve periodo dei ‘ruoli’ della famiglia del cardinale Pietro Ottoboni, potentissimo mecenate e grande appassionato di musica.  Il Salve Regina fu composto a Roma, sempre per il cardinale Ottoboni, ed eseguito durante le Quaranta Ore nella Chiesa di San Lorenzo in Damaso, mentre l’imponente O magnum mysterium risale al 1707, quando Scarlatti era passato a dirigere la Cappella musicale della Basilica di Santa Maria Maggiore. Il concerto si chiude con un vero e proprio capolavoro, il Magnificat a 5 voci e basso continuo, del quale non conosciamo né il contesto né l’anno di composizione, dato che l’unico manoscritto che ci è pervenuto è ottocentesco. Questa partitura, suddivisa in varie sezioni di diverso carattere e organico, dispiega una mirabile sintesi dei modelli palestriniani e del linguaggio del primo Settecento. Qui Scarlatti esplora la grande varietà del testo mariano, specialmente quei vocaboli legati alla sfera emotiva e descrittiva.

     

    • Sabato 5 dicembre

    visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00

    Chiesa di Santa Maria Apparente
     

    “Voi ch’amate lo Criatore”
    Dissonanzen

     

    Programma 
    Stabat Mater
    Ave Maris Stella
    Salve Regina
    Voi ch'amate lo Criatore
    Tota Pulchra
    Iste confessor
    Veni Sancte Spiritus
    Magdalena degna de laudare
    Regina Coeli

     

    Musicisti
    Silvia Schiavoni, voce
    Giancarlo Schiaffini, trombone 
    Ensemble Dissonanzen
    Tommaso Rossi, flauti
    Francesco D’Errico, suoni elettronici e tastiere
    Ciro Longobardi, digital piano e suoni elettronici
    Antonio Caggiano, percussioni

     

    Descrizione
    Un progetto di Giancarlo Schiaffini e Silvia Schiavoni con l’Ensemble Dissonanzen
    Nella Chiesa di Santa Maria Apparente, luogo sacro dedicato al culto della Vergine, Dissonanzen realizza un progetto sospeso tra antico e moderno, in cui alcune melodie gregoriane, prevalentemente dedicate e ispirate dal tema di Maria (Stabat Mater, Regina Coeli, Ave Maris Stella, Tota Pulchra es) e altre melodie provenienti dal laudario di Cortona, sempre dedicate al culto della Madonna, s’incontrano con le sonorità moderne e con la creatività compositiva di uno dei più grandi strumentisti-improvvisatori dello scenario contemporaneo, Giancarlo Schiaffini, e con la voce della versatile e intelligente vocalist Silvia Schiavoni. I due solisti ospiti dialogano con l’Ensemble Dissonanzen, in una sequenza musicale cui composizione e improvvisazione trovano un punto di incontro, utilizzando come guida e spunto costante i materiali melodici e armonici delle melodie gregoriane e medioevali, con una rapida sortita nel cuore del ‘600 napoletano, precisamente nella musica di Cristofaro Caresana (1640- 1709), autore di una raccolta di musiche ispirate a canti gregoriani, pubblicata a Napoli nel 1681, da cui vengono attinti Ave Maris Stella e Iste Confessor. 

     

    • Venerdì 11 dicembre

    visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00

    Chiesa dell’ Annunziata Maggiore
     

    “Ave Gratia Plena”
    Ensemble Vocale di Napoli

     

    Programma 
    Ave Virgo Sanctissima, a 5 v.
    Cum iucundutate, a 5 v.
    Ave, Dulcissima Maria, a 5 v.
    Gaudete omnes, a 5 v.
    Salve Regina, a 4 v.
    Angelus Domini, a 7 v.
    Gaudete, a 6 v.
    Totus Tuus, a 8 v.
    Magnificat, a 6 v.

     

    Musicisti
    Ensemble Vocale Di Napoli – direttore Antonio Spagnolo

     

    Soprani

    Ellida Basso
    Ester Castaldo
    Rosaria Ceci
    Viola De Vivo
    Wanda Ferraro
    Alessandra Lanzetta
    Mariacristina Miselli
    Diana Mucci
    Ingrid Somma

     

    Contralti

    Lucio Carlevalis
    Luisa Daniele
    Susanna De Micco
    Marcella Del Monaco
    Vittoria Iriti
    Antonio Parisi
    Placida Vanorio

     

    Tenori

    Rosario Cantone
    Gennaro Del Gaudio
    Ciro Farella
    Guido Ferretti
    Felice Mondo
    Salvatore Ruggiero
    Edgardo Visciola

     

    Bassi

    Andrea Campese
    Giuseppe Deliso
    Carlo De Nicola
    Carlo Forni
    Giovanni Longobardi
    Sergio Petrarca
    Pietro Vitiello

     

    Descrizione
    La presenza di Maria nella musica è più o meno la stessa che si riscontra nelle arti figurative e nella letteratura: una presenza costante e vistosa, senza la quale le composizioni musicali accuserebbero lacune incolmabili.
    Il Rinascimento di Guerrero, il primo Barocco di Sweelink,Trabaci, Gesualdo e il tardo Barocco di Scarlatti, prediligono uno stile severo, rivolto ad un uditorio colto e competente, che ne detiene la chiave di lettura, nella consapevolezza dei legami di queste composizioni con il canto gregoriano, primaria fonte di ispirazione.. 
    Musica nata per la liturgia, legata all’essenza del testo sacro, che fa ampio uso di figure retoriche, consolidate nella prassi compositiva di quei tempi.
    Nelle composizioni di Pärt, Biebl e Gorecki, d’altra parte, la contemporaneità del linguaggio musicale si presenta nel suo aspetto più essenziale, quasi minimalista, il testo viene assunto nei suoi elementi sillabici, cui vengono assegnati valori armonici con funzione strutturale. 
    È, quindi, la coscienza del flusso armonico che guida la fruizione estetica, la reiterazione di elementi verticali produce un effetto mantrico, come in Gorecki con la parola “Maria”, rievocativo di ritrovate prassi arcaiche di meditazione.
    In Biebl è evidente il richiamo al canto gregoriano con l’intonazione dell’Angelus Domini.
    Gaudete, Christus est natus ex Maria Virgine!

     

     

    • Sabato 19 dicembre 2

    visita guidata ore 19.00 | concerto ore 20.00

    Chiesa di Santa Maria Donnaregina Nuova 

    “Intorno a Maria” 
    Associazione Nuova Orchestra Scarlatti

     

    Musicisti
    direttore Francesco Aliberti 
    soprano   Leona Pelešková
    clarinetto Gaetano Russo

     

    Descrizione
    Si parte con l’Ave Maria attribuita a Caccini (elaborazione moderna del russo Vavilov). Risponde la calda devozione del Salve Regina di Pergolesi. Il Concerto grosso per il SS. Natale di Corelli, capolavoro di fine ‘600, è un animato ‘presepe sonoro’. Nel suo Salve Regina Puccini a 25 anni fa già presentire il suo melodismo, mentre l’Ave, dulcissima di Gesualdo (in versione strumentale) simboleggia Maria come ‘Vox luminis’. Fa eco il giovane Cristian Carrara con la sua Mater per archi (2009), suggestiva ‘vigilia’ sonora. Dopo l’avvolgente Voglio piangere dall’oratorio La Maddalena ai piedi di Cristo (1690) di Giovanni Bononcini, in un passaggio di fede tra Occidente e Oriente ecco l’Ave Maria di Rachmaninov, e ancora quella, arcaica e modernissima, del ceco Janáek. Tocchiamo infine il Nuovo Mondo, dove Piazzolla fa di un tango lento una preghiera appassionata del clarinetto sul cullare degli archi, coronata da un trascinante tango ‘fuga’ neo-barocco. 

     

     

     

chiudi