Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Boris Mikhailov "io non sono io"
    Boris Mikhailov "io non sono io"
    Napoli - Grandi Eventi, dal 14/11/15 al 15/02/16
  • MADRE
    Boris Mikhailov "io non sono io"
    MADRE, dal 14/11/15 al 15/02/16

Boris Mikhailov "io non sono io"

Napoli
Grandi Eventi

 

Organizzata dal MADRE in collaborazione con Incontri Internazionali d'Arte e Polo museale della Campania, Villa Pignatelli-Casa della fotografia

Io non sono io, la prima mostra personale dedicata da un'istituzione pubblica italiana a Boris Mikhailov (Kharkov, 1938), insieme a quella che, nell'autunno del 2015, è stata dedicata all'artista da Camera-Centro Italiano per la Fotografia di Torino. Mikhailov è uno dei più autorevoli fotografi contemporanei. Nato in Ucraina, la sua ricerca fu avviata negli anni Sessanta, mentre l'artista lavora come ingegnere in una fabbrica. Nelle sue serie fotografiche Mikhailov affronta una molteplicità di temi che indagano i profondi, radicali, e spesso traumatici cambiamenti che hanno investito, e ancora oggi investono, il suo paese natale. L'artista stesso ha dichiarato: "Ritengo che il fenomeno che racconto al mondo è, nella sua essenza, il post-comunismo o il post-sovietico. La Russia è sempre stata del resto un mondo di cataclismi sociali, come è emerso chiaramente lungo tutto il corso del XX secolo". Ma, per traslato, la disintegrazione sociale conseguente alla fine dell'Unione Sovietica assurge, nelle immagini di Mikhailov, a una valenza universale, in grado non solo di dare rappresentazione all'identità contemporanea (nella sua frammentazione fra inclusione ed esclusione, progresso e emarginazione, identità e sradicamento, stanzialità e migrazione), ma anche di divenire testimonianza della dignità insopprimibile e delle comuni radici etiche di ogni essere umano. La mostra al MADRE approfondisce in particolare il genere del ritratto e dell'autoritratto, e quindi la matrice intimamente autobiografica di tutta la sua ricerca, in cui gli aspetti della crisi identitaria e dell'oppressione sociale, della povertà iniqua e della miseria pura, dell'abbandono e della solitudine, oscillano costantemente fra guerra e pace, isolamento e tentativo di superamento nel confronto con l'altro. E' in questa dinamica che Mikhailov volge lo sguardo della sua macchina fotografica nelle pieghe del reale, alla ricerca di una verità comune che, attraversando i confini dello spazio e del tempo, riecheggia toni della grande arte europea, dalla pittura barocca all'interesse per i "vinti" della pittura e della fotografia ottocentesca, fino alla ricerca di responsabilità personale e civile propria delle avanguardie storiche del XX secolo, di cui l'artista condivide lo slancio utopico e sperimentale. Influenze e rimandi possibili che, in mostra, prendono corpo nell'accostamento fra alcuni trittici e fotografie di piccolo formato di Mikhailov e due dipinti del grande pittore spagnolo Jusepe de Ribera (Xàtiva, 1591-Napoli, 1652): l'immagine di un corpo invecchiato o dolente, il compianto impudico del suo deformarsi e decadere o della sua macerazione e sofferenza, rivendicano un'affine volontà di trascendenza di fronte alla corruzione terrena. In bilico tra presente e futuro, vita e morte, la mostra ci restituisce così una delle più potenti gallerie fotografiche del XX e XXI secolo, costituita non tanto da memento mori quanto, e soprattutto, da supremi memento vivere. In occasione della mostra sarà disponibile un nuovo libro d'artista, la più estesa pubblicazione dedicata ad oggi alla ricerca di Mikhailov, pubblicata da Camera-Centro Italiano per la Fotografia di Torino e Walther Koenig Verlag, con il supporto del museo MADRE.

bookshop
guardaroba
ristorante
caffetteria
sito accessibile

 

 

 

AVVISO:

Si comunica che dal 2 ottobre al 13 ottobre 2017 il secondo piano e il mezzanino del museo saranno temporaneamente chiusi per allestimenti, pertanto si potrà accedere con un  biglietto ridotto a 3,50 Euro 

 

MADRE_Corner

Libri, free-press, eventi, Wi-Fi e altro ancora 

Lunedì, Sabato e Domenica

11.00 - 15.30

 

Info e Prenotazioni

lunedì-venerdì 9.00-18.00
sabato 9.00-14.00

 

ORARI FESTIVITA' NATALIZIE 


05/12/2015: 10.00 - 22.00 (ultimo ingresso ore 21.00). Biglietto di ingresso € 3.00 a persona dalle ore 18.00 e fino alle 22.00 

08/12/2015: 10.00 - 18.30 (ultimo ingresso ore 17.30)  

24/12/2015 : 10.00 - 18.30 (ultimo ingresso ore 17.30)       
25/12/2015 : 10.00 – 14.00 (ultimo ingresso ore 13.00) 
26/12/2015 : regolare apertura al pubblico 
31/12/2015 : 10.00 - 18.30 (ultimo ingresso ore 17.30)       
01/01/2016 : 14.00 –19.30 (ultimo ingresso ore 18.30)          
06/01/2016 : regolare apertura al pubblico 

+39 081 193 13 016

Boris Mikhailov "io non sono io"


Napoli

Coopculture

Tariffe

Biglietto d'ingresso
  • - Intero € 7
  • - Ridotto € 3.50
Altre Riduzioni
  • cittadini UE tra i 6 e i 25 anni;
    docenti di scuole statali; 
    personale docente e non docente delle Università L’orientale di Napoli e Suor Orsola Benincasa, dell’Accademia di Belle arti di Napoli, del dipartimento DISPAC dell’Università degli Studi di Salerno previa esibizione di valido documento attestante la qualifica;
    personale del Teatro stabile di Napoli, previa esibizione di valido documento attestante la qualifica, e visitatori che esibiscono un biglietto dello spettacolo in scena in una delle sale gestite dall'Associazione Teatro Stabile Della Città di Napoli (Mercadante, San Ferdinando, Ridotto): ingresso ridotto esteso a n° 1 accompagnatore.

     

Altre Riduzioni Biglietto Evento
  • Gratuito

    lunedì ingresso gratuito;
    bambini fino a 6 anni, gruppi scuole, giornalisti con tesserino, insegnanti accompagnatori, docenti storia dell’arte, membri ICOM-ICROM, guide turistiche, possessori AMACI card;
    studenti delle Università L’orientale di Napoli e Suor Orsola Benincasa, dell’Accademia di Belle arti di Napol, previa esibizione di valido documento attestante la qualifica.

Diritto di prenotazione
  • Singoli

    Consigliata, € 2.00

     

    Gruppi

    Obbligatoria, € 20.00 (min. 12 - max 30 persone)

     

    Scuole

    Obbligatoria, € 15.00 (min. 12 - max 30 studenti)

chiudi