Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Critic Globus al Colosseo: la fruizione diventa social
    Critic Globus al Colosseo: la fruizione diventa social
    focus su I Grandi Eventi

Critic Globus al Colosseo: la fruizione diventa social

 

Lo scorso 5 agosto ha preso il via al Colosseo critic Globus.

Il progetto, nato con l’idea di raccogliere riflessioni sul tema della mostra Terrantica – i paesaggi ancestrali, con i loro miti e le simbologie politiche e religiose – per poi trarne un video finale, mirava nel contempo a sperimentare una forma di fruizione partecipata.

Nell’innovativo spazio interattivo appositamente realizzato i visitatori, anche quelli che non hanno visto la mostra,  “socializzano” attraverso dei filmati (visibili sul canale dedicato youtube e sulla pagina facebook) le emozioni legate alla propria esperienza di visita, mostrando di fatto come sia possibile instaurare una nuova relazione tra mostra e pubblico.

Il risultato è sorprendente. Negli oltre 3000 video registrati nel primo mese, l’insieme che si va formando di immagini, pensieri e canzoni restituisce un’idea social della partecipazione: visitatori di tutte le età, provenienze ed etnie, ciascuno con la propria visione del tema, contribuiscono a dare idee e suggestioni in grado di innescare riflessioni e stimolare ancor più l’interazione sociale creando una sorta di sezione virtuale della mostra “La terra secondo me”.

Dal pensiero del giovane tedesco secondo il quale “il mondo è un assembramento di persone diverse che però alla fine vogliono tutte la stessa cosa, cioè la propria felicità e la realizzazione del proprio ideale di vita” a quello di una giovane coppia di spagnoli per cui “ la Terra è un piccolo pianeta nell’universo... che, dipendendo dal luogo dove nasci, può essere un incubo o può essere il paradiso, dipende dagli esseri umani” passando attraverso filastrocche e ninna nanne nei più svariati idiomi, quello che critic Globus sta facendo emergere è che l’approccio partecipativo al patrimonio culturale è oggi particolarmente vicino alla sensibilità delle persone.

E questo dimostra come, in un’epoca in cui la Terra - intesa come pianeta o come terra d'origine – è disseminata di allarmi ecologici e di tristi vicende migratorie, la cultura non è solo informazione ma soprattutto formazione dello spirito, tanto più se arricchita da contenuti generati dagli utenti stessi.

Critic Globus  è promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo, Electa e CoopCulture, da un’idea CoopCulture.