Cerca nel sito :

 

Questo sito utilizza i Cookies Tecnici per migliorare e sviluppare il servizio per gli utenti e cookie di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più su come utilizziamo i cookies e come si possono controllare, leggi la nostra Privacy Policy/Dichiarazione sui Cookies.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto

  • Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2
    Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2
    In mostra al Madre
    Napoli - Mostre, dal 03/02/14 al 12/05/14
  • Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2
    Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2
    In mostra al Madre
    Napoli - Mostre, dal 03/02/14 al 12/05/14
  • MADRE
    Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2
    In mostra al Madre
    MADRE, dal 03/02/14 al 12/05/14

Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2. In mostra al Madre

Napoli
Mostre

 

Mostre Stagione Invernale 2013 - 2014


Per_formare una collezione #2
2° piano e spazi vari
21.12.13 — in progress

Per_formare una collezione #2 è il secondo capitolo del progetto dedicato dal MADRE alla formazione progressiva della propria collezione permanente. Intorno al ruolo del linguaggio come elemento fondamentale della riflessione artistica si aggregano nuove opere tra cui quelle di Vincenzo Agnetti, Robert Barry, Douglas Huebler.È approfondita l’attenzione verso la relazione fra attività artistica e sfera sociale come nelle edizioni originali di La rivoluzione siamo noi di Joseph Beuys, nelle azioni di Piero Gilardi, nell’intervento di Giulia Piscitelli o nel video di Eulalia Valdossera. Particolare attenzione è nuovamente data alla relazione fra arte, teatro e performance, dalla ricerca di Spazio Libero alle esperienze di Lo Zoo, agli interventi di Gianni Pisani. È esplorato anche l’utilizzo degli elementi primari (fuoco, acqua, aria, terra) e dei materiali più comuni quali strumenti di una pratica artistica radicale, come nelle opere di Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto e Gilberto Zorio e negli interventi di Gino Marotta. In mostra anche opere di Dennis Oppenheim e George Brecht, i libri cancellati di Emilio Isgrò, gli interventi su tessuto di Maria Lai. Un’intera sala sarà dedicata al rapporto fra Alighiero Boetti e la ricerca di un artista più giovane, Mario Garcia Torres.


Pádraig Timoney 
a lu tiempo de...
08.02 — 12.05.14
ll Madre presenta dall’ 8 febbraio al 12 maggio 2014 la prima e più ampia mostra personale mai dedicata da un’istituzione pubblica, non solo italiana, al lavoro dell’artista irlandese Pádraig Timoney (Derry, 1968) che vive e lavora a New York.Questa retrospettiva di metà carriera – che comprende oltre cinquanta opere realizzate nell’arco degli ultimi venti anni – rappresenta anche un ritorno simbolico per l’artista a Napoli, città che Timoney ha eletto a suo luogo di residenza e produzione dal 2004 al 2011, prima di trasferirsi a New York.
A Napoli l’artista rende omaggio sin dal titolo stesso della mostra, che cita l’incipit di ‘O Cunto ‘E Masaniello, una canzone pubblicata nel 1974 dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare. Il lavoro di Pádraig Timoney è un’esplorazione profonda e personale di tutti i linguaggi della pittura e della natura delle immagini, realizzata attraverso l’uso di mezzi espressivi differenti: accanto al medium principale della pittura, infatti, l’artista fa uso di fotografia, scultura e installazione, creando un universo visivo improntato a un radicale eclettismo. Davanti a una serie di opere di Timoney si può avere l’impressione di trovarsi all’interno di una mostra collettiva, tanto diversi sono gli stili, le tecniche e le atmosfere che definiscono i suoi lavori: l’astrazione convive con il più fedele foto-realismo, la gestualità si accompagna a un’estetica quasi meditativa, mentre una erudita relazione con la storia dell’arte si fonde con la comprensione degli aspetti più contemporanei, finanche banali, della nostra cultura globalizzata e digitale.

link:

bookshop
guardaroba
ristorante
caffetteria
sito accessibile

MADRE_Corner

Libri, free-press, eventi, Wi-Fi e altro ancora 

Lunedì, Sabato e Domenica

11.00 - 15.30

 

NEWS

Si informa che la collezione permanente, al secondo piano, non sarà momentaneamente fruibile, dal 5 al 16 dicembre, per consentire l'allestimento della mostra

dedicata a Gian Maria Tosatti, “Sette Stagioni dello Spirito”, a cura di Eugenio Viola,

opening 16 dicembre 2016, ore 19.00.

 

Info e Prenotazioni

+39 081 193 13 016

Pádraig Timoney / Per_formare una collezione #2
In mostra al Madre


Napoli

Coopculture

Tariffe

Biglietto d'ingresso
  • - Intero € 7
  • - Ridotto € 3.50
Altre Riduzioni
  • Ridotto gruppi prenotati (max 30 pax): € 4.00

    Gratuito il lunedì

    Gratuito: bambini fino a 6 anni, gruppi scuole, giornalisti con tesserino, insegnanti accompagnatori, docenti storia dell’arte, membri ICOM-ICROM, guide turistiche, possessori AMACI card.
    Il museo rientra nel circuito CampaniaArtecard — www.campaniartecard.it
Gruppi
  • Visite guidate per gruppi
    max 25 persone
    lingua: italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco
    mostra € 100.00 / mostra + collezione permanente € 170,00
    prenotazione obbligatoria
Scuole
  • Visite guidate per scuole
    max 25 persone
    lingua: italiano, inglese, francese, spagnolo, tedesco
    1 mostra € 80.00 / mostra + collezione permanente € 130.00
    prenotazione obbligatoria
Diritto di prenotazione
  • Singoli: € 1,50

    Gruppi: € 20,00 

    Scuole: € 15,00 
Visite Didattiche e altri servizi acquistabili

chiudi