Search in the site :

 

This site uses cookies to improve and develop the service to users and cookie profiling own and third-party for its functionality and to send you advertising and services with your preferences. To learn more about how we use cookies and how you can control, Read our Privacy Policy about cookies.
By closing this banner, scrolling through this page or by clicking any of its elements you consent to the use of cookies. I Agree

  • Critic Globus al Colosseo: la fruizione diventa social
    Critic Globus
    focus on Great Events

Critic Globus

 

[Italian Language]

Lo scorso 5 agosto ha preso il via al Colosseo critic Globus.

Il progetto, nato con l’idea di raccogliere riflessioni sul tema della mostra Terrantica – i paesaggi ancestrali, con i loro miti e le simbologie politiche e religiose – per poi trarne un video finale, mirava nel contempo a sperimentare una forma di fruizione partecipata.

Nell’innovativo spazio interattivo appositamente realizzato i visitatori, anche quelli che non hanno visto la mostra,  “socializzano” attraverso dei filmati (visibili sul canale dedicato youtube e sulla pagina facebook) le emozioni legate alla propria esperienza di visita, mostrando di fatto come sia possibile instaurare una nuova relazione tra mostra e pubblico.

Il risultato è sorprendente. Negli oltre 3000 video registrati nel primo mese, l’insieme che si va formando di immagini, pensieri e canzoni restituisce un’idea social della partecipazione: visitatori di tutte le età, provenienze ed etnie, ciascuno con la propria visione del tema, contribuiscono a dare idee e suggestioni in grado di innescare riflessioni e stimolare ancor più l’interazione sociale creando una sorta di sezione virtuale della mostra “La terra secondo me”.

Dal pensiero del giovane tedesco secondo il quale “il mondo è un assembramento di persone diverse che però alla fine vogliono tutte la stessa cosa, cioè la propria felicità e la realizzazione del proprio ideale di vita” a quello di una giovane coppia di spagnoli per cui “ la Terra è un piccolo pianeta nell’universo... che, dipendendo dal luogo dove nasci, può essere un incubo o può essere il paradiso, dipende dagli esseri umani” passando attraverso filastrocche e ninna nanne nei più svariati idiomi, quello che critic Globus sta facendo emergere è che l’approccio partecipativo al patrimonio culturale è oggi particolarmente vicino alla sensibilità delle persone.

E questo dimostra come, in un’epoca in cui la Terra - intesa come pianeta o come terra d'origine – è disseminata di allarmi ecologici e di tristi vicende migratorie, la cultura non è solo informazione ma soprattutto formazione dello spirito, tanto più se arricchita da contenuti generati dagli utenti stessi.

Critic Globus  è promosso dalla Soprintendenza Speciale per il Colosseo, Electa e CoopCulture, da un’idea CoopCulture.